Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/furbetti-cartellino-incastrati-telecamere-carabinieri-calabria-24-misure-cautelari-97524af7-ec20-4ad5-9257-a73612b238e3.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Assenteismo

Furbetti del cartellino incastrati dalle telecamere dei carabinieri in Calabria: 24 misure cautelari

Facevano timbrare il badge da colleghi per risultare presenti tutto il giorno invece andavano al mercato, in negozi, a passeggiare. I carabinieri incastrano con le telecamere 24 dipendenti del comune di Oppido Mamertina

Condividi
I Carabinieri di Reggio Calabria hanno eseguito delle misure cautelari, emesse dal Gip presso il Tribunale di Palmi, nei confronti di 24 dipendenti comunali, 4 agli arresti domiciliari e altri 20 con obbligo della presentazione alla polizia giudiziaria, ritenuti responsabili dei reati di concorso in false attestazioni, con modalità fraudolenta, della presenza in servizio e truffa aggravata e continuata in danno dell’Ente Pubblico di appartenenza, il Comune di Oppido Mamertina.

L’attività d’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Palmi, è iniziata a novembre 2015. I militari della stazione di Oppido Mamertina rilevavano che alcuni dipendenti comunali nella fascia oraria in cui avrebbero dovuto trovarsi in servizio, si allontanavano dal luogo di lavoro e venivano notati in diverse zone della cittadina. Successivi servizi perlustrativi del territorio hanno confermato l'elevato assenteismo, specie nel giorno del mercato settimanale.

Per documentare il fenomeno, è stato installato un sistema di videosorveglianza sopra la macchinetta marcatempo e gli ingressi del Palazzo Comunale. Le videoriprese in tre mesi hanno consentito di individuare e ricostruire un fenomeno di malcostume messo in atto da alcuni dipendenti tramite i badge per il rilevamento delle presenze lavorative, con conseguente danno per l’amministrazione e violazioni di carattere penale.

Molti indagati si assentavano sistematicamente dal luogo di lavoro, mentre altri tramite la timbratura del loro cartellino, documentavano una presenza per cui i dipendenti del Comune ricevevano indebitamente un ingiusto profitto consistente nella ordinaria retribuzione per l’intero orario lavorativo.

L’allontanamento era pressoché quotidiano dagli uffici. I dipendenti si aggiravano per negozi, facevano la spesa al mercato, erano impegnati in attività di pulizia domestica o si intrattenevano con conoscenti ed amici per le piazze e strade cittadine.
Condividi