Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/giovanni-Tria-missione-Cina-viaggio-spread-debito-ice-pechino-Western-China-International-Fair-59490acc-9b0b-4c6a-b0c0-eaa13e9f36f1.html | rainews/live/ | (none)
ECONOMIA

Viaggio in Cina

Tria in Cina: debito sostenibile e lo spread calerà

Scopo della missione è rafforzare i rapporti bilaterali tra Italia e Cina con l'aumento degli scambi commerciali e degli investimenti non quello di chiedere ai cinesi di comprare il debito italiano 

Condividi
di Tiziana Di Giovannandrea E' iniziata in giornata e durerà una settimana la missione italiana in Cina. Il ministro dell'Economia Giovanni Tria ha subito smentito che l'obiettivo della trasferta italiana sia individuare compratori per il nostro debito pubblico: "Non abbiamo questo problema". Lo ha sottolineato lo stesso ministro, in un'intervista al quotidiano cinese 'Guangming', rilanciata sul sito di 'Radio China International ' in occasione del suo viaggio nel colosso asiatico. Per il titolare di Via XX Settembre che si tratti di titoli di stato o di investimenti, quello che cercano gli investitori stranieri sono regole certe.

Inoltre, il debito pubblico italiano è sostenibile ed i segnali negativi, come l'innalzamento dello spread, rientreranno nelle prossime settimane. E' quanto ha asserito Tria, durante un incontro con membri della comunità italiana presenti a Pechino in occasione di una cena offerta dall'Ambasciata d'Italia. Tria ha tenuto a ribadire lo scopo della missione - ufficialmente al via tra poche ore con gli incontri con il suo omologo, il ministro delle Finanze cinese Liu Kun e il governatore della Banca centrale cinese, la People's Bank of China, Yi Gang e vari rappresentanti delle autorità finanziarie e monetarie cinesi - è quello di rafforzare i rapporti bilaterali tra Italia e Cina con l'aumento degli scambi commerciali e degli investimenti.

L'occasione della visita in Cina del ministro dell'Economia ha permesso anche la firma di un protocollo di intesa tra Cassa Depositi e Prestiti e Intesa Sanpaolo per rafforzare il sostegno all'internazionalizzazione delle imprese italiane in Cina e delle imprese con sede in Cina controllate da realtà italiane. 

Western China International Fair. L'Italia sarà il Paese ospite d'onore alla prossima edizione del Western China International Fair, che si terrà a Chengdu, nella Cina sud-occidentale dal 20 al 24 settembre. Lo ha reso noto l'ufficio Ice di Pechino su Twitter che ha presentato il logo dell'Italia alla manifestazione, dopo l'arrivo a Pechino del ministro Tria, per una visita che lo porterà anche a Shanghai. Alla manifestazione, organizzata in collaborazione con il ministero del Lavoro e dello Sviluppo economico, con l'Ambasciata d'Italia a Pechino, il Consolato d'Italia a Chongqing, la Camera di Commercio italiana in Cina, Vinitaly e altri, secondo quanto scrive l'ufficio Ice di Pechino, saranno presenti 60 aziende italiane.
Condividi