Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/giubileo-piano-sicurezza-previste-assunzioni-di-2500-agenti-5275e432-1264-4ecf-8a45-02ec717fef4b.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

Alfano: per rafforzare la sicurezza in luoghi eventi dell'Anno Santo

​Giubileo. Piano sicurezza: previste assunzioni di 2.500 agenti

L'aumento di organico non interesserà solo la capitale, ma diverse altre aree. Già da questo mese, oltre 1.100 unità in più a Roma

Condividi
Il Giubileo potrà contare, in tema di sicurezza, sull'assunzione straordinaria di 2.500 unità delle Forze di Polizia. È quanto stabilito nel corso della riunione del Comitato Nazionale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica dedicato all'Anno Giubilare tenutasi al Viminale e presieduta dal ministro dell'Interno, Angelino Alfano.

È stato stabilito un incremento di organico di 1.050 agenti della Polizia di Stato, 1.050 dei Carabinieri e 400 della Guardia di Finanza  da dislocare, oltre che a Roma, anche in altre 59 provincie. Nei luoghi interessati per l'Anno Santo, che si aprirà a Roma il prossimo 8 dicembre e che si concluderà il 20 novembre 2016.

Il Comitato ha poi deciso l'assegnazione, già da questo mese, di oltre 1.100 unità delle Forze di Polizia agli uffici operanti nell'area della Capitale (640 Polizia di Stato, 388 Carabinieri e 169 Guardia di Finanza) e l'assegnazione di ulteriori unità della Polizia di Stato alle Questure di Ancona, Foggia, Padova e Perugia dove sono ubicati importanti luoghi di culto.

"A seguito di un'attenta ricognizione e di una puntuale analisi abbiamo individuato diversi settori di intervento intorno ai quali sarà approntato un piano di sicurezza anche in vista dell'elevato afflusso di fedeli. Questo quanto affermato dal ministro dell'Interno, Angelino Alfano, al termine del Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica dedicato al Giubileo. "Questo consentirà di rafforzare il livello di sicurezza dei luoghi interessati alle iniziative giubilari, aumentando anche il livello di percezione della sicurezza da parte dei cittadini". Ha così concluso il ministro.
Condividi