Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/giustizia-anm-disertera-tavolo-bonafede-su-riforma-4b102629-cdbb-4ab9-9e4c-87651b90f514.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Convocato per il 26 febbraio

Giustizia. Anm diserterà tavolo Bonafede su riforma

"Ciò che rende inaccettabile il testo normativo nel suo complesso e che impedisce, allo stato, ogni possibilità di confronto e interlocuzione, è - si legge in una nota - che tali previsioni sulla durata delle indagini e dei processi siano accompagnate dall'introduzione di ulteriori sanzioni disciplinari a carico dei magistrati". Replica del ministro della Giustizia Bonafede: "Sottrarsi al dialogo è un'occasione mancata"

Condividi
L'Associazione Nazionale Magistrati non parteciperà al Tavolo tecnico convocato" al ministero della Giustizia, "per il 26 febbraio 2020 e che, fino a quando nel testo del ddl saranno contenute previsioni di questo tipo, riteniamo di non poter avere alcuna interlocuzione e di non poter continuare a fornire  il leale contributo fino ad ora prestato nell'elaborazione delle proposte di riforma". Così in una nota l'Anm.

L'Anm "è da sempre consapevole del fondamentale ruolo di interlocutore sulle proposte di riforma riguardanti il diritto sostanziale, il processo civile e penale e l'ordinamento giudiziario. Ha sempre offerto il proprio contributo di carattere tecnico, arricchito dall'esperienza concreta, maturata attraverso l'esercizio della funzione giurisdizionale, in condizioni, peraltro, sempre più critiche", sottolinea una nota della Giunta Esecutiva Centrale dell'Anm.

"Abbiamo finora partecipato, cercando di fornire il nostro contributo in maniera leale e costruttiva, ai "tavoli tecnici" convocati dal Ministro della Giustizia. Abbiamo sostenuto le nostre idee, avanzato le nostre proposte, ascoltato le ragioni dei rappresentanti delle altre categorie, accettando che alcune delle nostre proposte non fossero accolte e che nei testi elaborati fossero contenute anche previsioni rispetto alle quali abbiamo argomentato il nostro motivato dissenso.

"Su due profili espresso contrarietà"
Su due profili della riforma licenziata dal Consiglio dei Ministri abbiamo però espresso immediatamente la nostra più assoluta contrarietà, e puntualmente illustrato le numerosissime ragioni che ce li hanno fatti sempre definire irricevibili", continua la nota. Si tratta della "semplicistica idea, apparentemente frutto di una visione ingenua del processo, di determinarne per legge la durata, trattando allo stesso modo vicende di complessità molto diversa e dimenticando che uno dei fattori della durata dei processi è anche lo scrupolo nell'accertamento dei fatti e, in ultima analisi, la necessità di apprestare una piena tutela dei diritti dei cittadini, siano essi parti di un giudizio civile, imputati o persone offese.

Frutto della stessa irrealistica idea di ottenere una riduzione dei tempi attraverso astratte e generalizzate  previsioni di legge, è la nuova disciplina della durata delle indagini preliminari, accompagnata dalla pericolosissima 'sanzione processuale' della sostensibilità degli atti di indagine, che avrà come inevitabile effetto il depotenziamento del contrasto alle forme più articolate e aggressive di criminalità, organizzata e non, ancora una volta con danno per l'intera collettività", prosegue l'Anm.

Inaccettabili sanzioni a carico dei magistrati
"Ma ciò che rende inaccettabile il testo normativo nel suo complesso e che impedisce, allo stato, ogni possibilità di confronto e interlocuzione, è - prosegue la nota- che tali previsioni sulla durata delle indagini e dei processi siano accompagnate dall'introduzione di ulteriori sanzioni disciplinari a carico dei magistrati. Si tratta, nella sostanza, di una 'norma manifesto', di  uno slogan che si traduce in un ingeneroso e immeritato messaggio di sfiducia nei confronti dei magistrati italiani, che cede alla facile tentazione di scaricare sui singoli le inefficienze del sistema che, come tali, sono, invece, esclusiva responsabilità della politica; e che, in modo disinvolto, rischia di suscitare, soprattutto nei magistrati più giovani, la tentazione di una risposta di giustizia di carattere 'difensivo' e burocratico, ancora una volta con l'evidente conseguenza di non rendere un buon servizio ai cittadini", aggiunge l'Anm.

"Queste, e tante altre, le ragioni che abbiamo illustrato nel corso dei recenti incontri avuti al Ministero e che, purtroppo, nonostante una dichiarata attenzione e condivisione, sono rimaste, nella sostanza, del tutto inascoltate". 

Bonafede: occasione mancata
"Sottrarsi al confronto, anche aspro, rappresenta un'occasione mancata". Lo dichiara con una nota il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, che afferma di prendere atto della posizione espressa dall'Associazione nazionale magistrati, che non parteciperà al tavolo sulla riforma convocato per la prossima settimana al ministero. "Mi dispiace sinceramente che, in questo modo, l'Anm - osserva il Guardasigilli - rinunci a esprimere la voce dei magistrati italiani in merito a una riforma importante come quella del processo penale. Tra l'altro, il tavolo è l'occasione per conoscere, per la prima volta, la versione definitiva della riforma".
Condividi