Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/governo-oggi-lista-ministri-spread-piazza-affari-in-calo-cottarelli-8427ae81-290d-4b14-82c9-49ddfef9bf2e.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Renzi: lo spread che sale è la "Salvini-tax"

Governo, Cottarelli ha riferito al Quirinale. Rivedrà Mattarella domani mattina

Il premier incaricato è salito al Colle poi, senza fare dichiarazioni, è tornato a lavorare alla Camera.  Si fa strada l'ipotesi della rinuncia e del voto a fine luglio. Intanto sale lo spread e Piazza Affari naviga in profondo rosso

Condividi
Sergio Mattarella si rivedrà domani mattina con Carlo Cottarelli. Il presidente del Consiglio incaricato è infattio salito al Quirinale per riferire al capo dello Stato, poi è rientrato alla Camera senza rilasciare dichiarazioni. 

Cottarelli era giunto di buon'ora a Montecitorio, per lavorare nell'ufficio allestito al primo piano, per consegnare al presidente la lista della sua squadra: un esecutivo snello e con pochi ministri. Se otterrà la fiducia - al momento possibilità ridotta al lumicino - avanti con la legge di bilancio e poi al voto nel 2019. Se non l'avrà, elezioni dopo agosto.

Caos politico azzoppa Piazza Affari
Naviga in profondo rosso Piazza Affari, che azzera i guadagni da inizio anno. I mercati castigano l'Italia dopo la crisi politica che porta allo spettro di nuove elezioni a breve e la concreta possibilità di una affermazione più netta delle forze populiste ed euroscettiche alle prossime consultazioni elettorali.   

A rabbuiare l'umore di Piazza Affari l'ascesa dello spread: il differenziale tra Btp e Bund decennali è schizzato a 300 punti base, per poi scendere a 263. Il tasso di rendimento dei titoli italiani è oltre il 3%, ai massimi da giugno del 2014.

Moody's: taglio rating Italia senza riforme e calo debito
Moody's taglierà il rating italiano se il prossimo governo porterà avanti politiche di bilancio "insufficienti a posizionare nei prossimi anni il debito su una traiettoria di discesa". Altrettanto negativo sarebbe "un fallimento nell'articolare e presentare un'agenda diriforme strutturali credibili". Lo si legge in un comunicato in cui Moody's reputa "molto improbabile" un rialzo del rating, spiegando che una conferma potrebbe invece arrivare se il programma di riforme si rivelasse ambizioso e se il governo delineasse un effettivo percorso di rientro del debito. 

Tajani: uscire dall'euro è una sciocchezza. Farò di tutto perché non accada
"Seguo con grande attenzione quello che accade in Italia, sono convinto che l'Italia e gli italiani sapranno trovare le giuste soluzioni per risolvere tutti i problemi, ma voglio nello stesso tempo dire che l'ipotesi di uscire dall'euro è una sciocchezza". Così il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani. "Come presidente del Parlamento europeo, come parlamentare italiano e come italiano farò di tutto perché questo non accada", ha aggiunto Tajani.

Oettinger twitta: mercati insegneranno il voto a italiani
"I mercati insegneranno agli italiani a votare nel modo giusto". Lo dice il commissario europeo al Bilancio, Gunther Oettinger, secondo quanto anticipa su Twitter il giornalista Bernd Thomas Riegert, che ha intervistato il Commissario Ue a Strasburgo per l'emittente Dwnews. L'integrale dell'intervista andrà in onda questa sera.
Renzi: lo spread che sale è la "Salvini-tax"
Lo spread che sale è una "Salvini-tax", lo afferma Matteo Renzi su Facebook. "Oggi i giornali riportano come fosse pronto un piano per uscire dall'Euro in un weekend, il terribile Piano B che ha spaventato i mercati. Il fine settimana c`è chi pensa di andare a Viareggio, chi a Fregene, chi a uscire dall`Euro, stampando una nuova lira: pazzesco. La conseguenza è che la povera gente pagherà il costo di questa scelta scriteriata dei consiglieri di Salvini e di qualche aspirante ministro". Continua Renzi: "Rate dei mutui variabili più alte, accesso al credito più difficile. Altro che Flat Tax, lo spread è la vera SalviniTax. E la colpa non è della cancelliera tedesca ma di qualche cialtrone nostrano. Muoviamoci, amici. Le prossime elezioni saranno fondamentali. Avanti insieme".

Martina propone a Pd astenersi su fiducia Cottarelli
"Il Pd sostiene con piena convinzione l'operato del Presidente Mattarella e la scelta di varare un Governo neutrale che porti alle elezioni anticipate. E proprio per rispettare il carattere di neutralità politica del Governo credo che sia opportuno che il PD si astenga sul voto di fiducia. Convocheremo a breve e prima della fiducia la Direzione nazionale e lì decideremo". È la proposta di Maurizio Martina al gruppo Pd. 

Salvini, Spread sopra 250? Qualcuno non voleva questo Governo
"I mercati stanno portando lo spread oltre i 250? Evidentemente c'è qualcosa che non funziona. Mi viene il dubbio che qualcuno non voleva che partisse questo Governo a prescindere". Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini a 'Radio anch'io' su Radio1. "Ho spinto per andare a votare? Fesserie da regime"  "Fesserie". Cosi' iSalvini replica a chi gli chiede di commentare i retroscena secondo i quali avrebbe tenuto il punto sul nome di Paolo Savona come ministro dell'Economia, per rompere col Capo dello Stato e andare al voto. "In queste ultime settimane - ha aggiunto il leadere della lega- il 90% dei media ha attaccato questo governo prima che nascesse. Roba da regime". 

Grillo, Mattarella ha intortato? È la politica..
"L'establishment è riuscito a bloccarci? Ok, fa parte del gioco! Non siamo affetti dalla sindrome dell'adolescente ribelle che spera che alla fine il padre gli dia ragione. Mattarella ha intortato le cose oppure ha fatto lo sgambetto alla democrazia? Lo vedremo, ma quel che è sicuro è il cuore della contesa: c'è chi vuol vivere inginocchiato alle ragioni della finanza e chi no". Lo dice sul Blog delle Stelle Grillo che aggiunge: "Non serve capirne la storia o denunciarne le intenzioni perché le loro posizioni sono scoperte finalmente mentre le nostre lo sono sempre state". 

Visco: calo mercati senza giustificazioni, è emotivo
"Non ci sono giustificazioni, se non emotive, per quello che sta succedendo oggi sui mercati". Lo afferma il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco parlando 'a braccio' rispetto al testo delle considerazioni finali riferendosi al balzo dello spread.

Salvini posta video bimbo e Mattarella, contro poteri forti
Nuovo tweet polemico di Matteo Salvini contro Sergio Mattarella. "Bambino contro poteri forti, vince bambino! #iostoconfabio", scrive il leader della Lega, allegando un video in cui al Quirinale un ragazzino di una classe in visita - Fabio - chiede al presidente: "Quando le capita di firmare degli atti che non le piacciono, come si comporta?". "È una bella domanda", sospira Mattarella, spiegando poi quali sono le competenze del capo dello Stato. "Se non firmassi provvedimenti del governo o una legge del Parlamento andrei contro la Costituzione - dice tra l'altro Mattarella - anche se la penso diversamente, ma devo accantonare le mie opinioni personali. C'è un caso in cui posso, anzi devo non firmare: quando arrivano leggi o atti amministrativi che contrastano palesemente con la Costituzione". 

Condividi