Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/governo-ultime-ore-di-trattative-poi-conte-al-colle-resta-il-nodo-savona-2100037c-0343-4e88-9678-af81e7a6fe34.html | rainews/live/ | (none)
POLITICA

Preoccupazione resta alta

Governo cercasi: ultime ore di trattative, poi Conte al Colle. Resta il nodo Savona

La scadenza del premier incaricato per la nascita o meno del suo governo è per questa sera. Si tenta mediazione su Savona. Una delle ultime ipotesi emerse nelle scorse ore è quella di spacchettare il dicastero di via XX Settembre dividendolo tra Finanze e Tesoro. Il segretario reggente del Pd, Martina: gravissimi attacchi al Quirinale. Sul blog delle Stelle contratto in inglese: non fidatevi dei media

Condividi

Ore decisive per Conte la cui scadenza per la nascita o meno del suo governo - fissata da Salvini e Di Maio ieri - è per questa sera. Le intenzioni del Presidente del Consiglio incaricato - al di là delle ultime difficoltà incontrate per la composizione della lista dei ministri - sono quelle di poter presentare la squadra ai mercati con giuramento e brindisi di rito già effettuati prima dell'apertura di settimana.  

"Buona domenica Amici. Chi si ferma è perduto, io fino all'ultimo non mi arrendo! #Primagliitaliani". Così su Twitter il leader della Lega, Matteo Salvini.

Sul tappeto resta ancora il nodo sul nome di Savona che il Colle continua a ritenere inopportuno e che prospetta l'ultimo colloquio tra Conte e Mattarella prima dello scioglimento della riserva (se positivamente o negativamentesaranno le ultime trattative in corso a stabilirlo), tutt'altro che rituale. Una domenica, in chiave di futuro governo, piena di incognite, dunque, e su cui pesano, e non poco, gli ultimatum dei leader di Lega e M5s.  

Resta il nodo Savona
Il nodo da sciogliere dunque resta quello di Paolo Savona, l'economista indicato dal partito di via Bellerio per succedere a Piercarlo Padoan, che potrebbe mandare oggi un segnale di spiegazione delle sue posizioniSi tenta dunque ancora, in extremis, una mediazione con soluzioni che al momento però non sarebbero gradite al Carroccio. Una delle ultime ipotesi emerse nelle scorse ore è quella di spacchettare il dicastero di via XX Settembre dividendolo tra Finanze e Tesoro, affidando quest'ultimo a una personalità autorevole e critica verso il rigore ma non fortemente euroscettica. 

Salvini: o si chiude, o si va al voto
"Mi rifiuto di andare avanti ancora per giorni con le trattative, o siamo in condizioni di lavorare o qualcuno se ne prenderà la responsabilità". Quello tra Matteo Salvini e il Quirinale può essere considerato a tutti gli effetti un 'braccio di ferro', con tanto di 'ultimatum' del leghista al capo dello Stato. Ormai l'oggetto del contendere è chiarissimo: il segretario federale vuole Paolo Savona al ministero dell'Economia, mentre il presidente della Repubblica continua a chiedere una soluzione alternativa all'economista con spiccate ideologie 'no euro'. Il muro contro muro che sta animando le ultime, fibrillanti ore della fase politica italiana rischia seriamente di travolgere gli accordi di maggioranza con il Movimento 5 Stelle, trascinando con sé non solo il famoso 'contratto', ma tutto il governo.

Anche il gruppo dirigente di via Bellerio sposa la linea della resistenza, schierandosi al fianco del suo leader, che annuncia: la lista dei ministri del partito è pronta e sarà consegnata nelle mani del premier incaricato, Giuseppe Conte. In questo modo il neo senatore lancia un segnale inequivocabile al Colle: "Non faccio una questione di nomi e cognomi, ma di rispetto del voto che gli italiani hanno espresso il 4 marzo". In poche parole, chi ha ottenuto i consensi delle urne hanno il diritto di esprimere le proprie preferenze sulla squadra di governo, al di là delle prerogative conferite dalla Costituzione al presidente della Repubblica. Salvini lamenta di averne fatti già troppi di passi indietro, dunque non farà un altro sulla candidatura di Savona: "Come in Italia nessuno ha mai eccepito su un ministro belga, tedesco o francese, è evidente che i ministri italiani non devono necessariamente avere il gradimento dei tedeschi, dei francesi o di chiunque altro".

Di Maio: abbiamo aspettato abbastanza, è il momento di lavorare. Europa abituata male
In questo esercizio di forza politica, a trovarsi nella condizione più scomoda (e forse imbarazzante) sono i Cinquestelle. Ufficialmente schierati al fianco del partner politico, ma senza alcuna voglia di rompere l'ottimo rapporto con Mattarella, costruito nella scorsa legislatura e rinsaldato in maniera ancora più decisa in questi oltre 80 giorni di crisi istituzionale. Luigi Di Maio, comunque, sceglie parole speculari a quelle dell'alleato. "O si chiude la partita del governo entro 24 ore o non si chiude più. Abbiamo aspettato abbastanza, ora è il momento di lavorare", dice in un comizio a Terni. "Più ci attaccano e più sono motivato a farlo questo governo", aggiunge ancora. Il leader dei 5Stelle poi sottolinea:  "Dobbiamo farci sentire, evidentemente la politica italiana ha abituato male i politici europei. Noi dobbiamo rispettare sempre tutti, ma gli altri ci possono prendere in giro come vogliono". E chiude: "L'Italia deve rimanere nella Ue, ma in una Ue solidale".

Sostegno totale anche a Giuseppe Conte. "E' stato massacrato in 24 ore. Neanche noi siamo stati trattati così", il pensiero di Di Maio. Il presidente del Consiglio incaricato, intanto, rimane impassibile ma non immobile, proseguendo nel lavoro di preparazione della squadra nella sala del Governo, messa a sua disposizione dalla Camera dei deputati. Tra i suoi incontri spicca quello con l'ex direttore degli Affari politici della Farnesina, Luca Giansanti, che diverse fonti parlamentari suggeriscono essere ora in pole position per il ruolo di ministro degli Esteri, dicastero per il quale sembrava 'intoccabile' Giampiero Massolo. Le voci di Palazzo indicano anche un possibile rimescolamento di un altro possibile posto chiave, quello degli Interni, riservato ormai da tempo proprio a Salvini. I rumors spiegano pure che si potrebbe trattare di una mera strategia politica in attesa che si riducano le asprezze tra il segretario leghista e il capo dello Stato.

Martina: gravissimi attacchi al Qurinale
''Gli attacchi al presidente della Repubblica sono gravissimi. Salvini e Di Maio si leggano la Costituzione agli articoli 92 e 95, le regole fondamentali che anche loro devono rispettare". Lo dice Maurizio Martina, al 'Corriere della sera', aggiungendo: "Stiamo attenti a esporre il Paese a queste fibrillazioni, perché gli italiani hanno fatto sacrifici enormi. Se sale lo spread a pagare sono i conti correnti degli italiani. Abbiamo il dovere di contrastare l'irresponsabilità di chi fa forzature per alimentare una campagna elettorale continua''.

''Se fai propaganda per uscire dall'euro attacchi il futuro di famiglie, imprese e cittadini, che fuori dalla moneta unica sarebbero più poveri e più deboli. Salvini ci vuole portare in Polonia o in Ungheria, ma la grande maggioranza degli italiani non lo seguirà'', dice tra l'altro il reggente Pd sottolineando: "Io sono orgoglioso del lavoro fatto in questi anni dai governi di centrosinistra e in queste ore si vede bene la differenza di tono, contenuti e di responsabilità con le nostre squadre di governo".

Su blog delle Stelle 'contratto' in inglese: "Non fidatevi dei media"
Una sintesi in inglese del contratto tra M5s e Lega e' stata pubblicata sul blog delle stelle, che invita i militanti a condividerlo e i lettori stranieri a non credere a ciò che scrivono i giornali a proposito del programma del futuro esecutivo. "Questo è un riassunto del Contratto per il governo del Cambiamento, firmato dal MoVimento 5 Stelle e dalla Lega, le due forze politiche che hanno vinto le ultime elezioni in Italia e che rappresentano 17 milioni di cittadini. Non fidatevi dei media generalisti", recita il preambolo al documento, suddiviso in 29 punti. Il post è andato on line questa mattina alle 8.05 e fino a questo momento ha raccolto otto commenti e 88 condivisioni su Facebook

Condividi