Original qstring: print | /dl/rainews/articoli/grillo-unione-europea-intervista-newsweek-e569c396-a36f-44eb-9402-6a70e6130a49.html | rainews/live/ | (none)
Rai News
ITALIA

Grillo a Newsweek: Unione Europea disfunzionale, va riformata

"L'Unione europea in passato aveva molti meriti, ma ora è disfunzionale, ha bisogno di riforme". Lo afferma Beppe Grillo intervistato da Newsweek. "Il Parlamento europeo non ha alcun potere, le decisioni sono prese dai commissari. E se si guarda a chi siede nelle commissioni, si trova un politico circondato da sette lobbisti. Indovina chi prende le decisioni?" spiega il garante del Movimento rispondendo alla domanda su quale sia la visione grillina dell'Europa.    

"La nostra visione per l'Europa si ispira al modello svizzero di democrazia diretta. Siamo favorevoli a un referendum consultivo sull'Euro. Potrebbe essere una buona idea avere due Euro, per due regioni economiche più omogenee. Uno per l'Europa settentrionale e uno per l'Europa meridionale" ha concluso.    

"Avete mai sentito parlare de "La mossa dell'immortale" durante una partita a scacchi? Quando un giocatore sacrifica i pezzi più importanti per vincere con una sola pedina? Questo è il mio caso. Sono una sorta di padre nobile, un mecenate. Io osservo dall'esterno e interverrei solo se si perdessero di vista i principi". Così il cofondatore del M5S, Beppe Grillo, delinea il suo ruolo all'interno del Movimento.  Grillo, rispondendo ad una domanda, rifiuta poi di etichettare - a sinistra o a destra - il movimento: "Sinistra, destra, populismo... sono concetti privi di senso. Incomprensibili per le nuove generazioni. L'intelligenza artificiale sta distruggendo il mondo del lavoro tradizionale. I vecchi Stati nazionali sono stati svuotati dall'interno e stiamo tornando all'era delle Città-Stato".   

Newsweek chiede poi come  iniziato il movimento: "Tutto è partito dal mio incontro con Gianroberto Casaleggio, il manager di una piccola azienda di internet, che aveva appena pubblicato un libro su Genghis Khan. Volevamo avviare un blog, e lo abbiamo fatto insieme. Abbiamo creato un blog, tra i più popolari al mondo. Ero solo un comico, un motivatore di folle. Gianroberto mise a mia disposizione il potere del web e l'esperimento funzionò". E funzionò perché "eravamo come un'arca aperta a tutti i disadattati culturali e mentali del nostro paese. Ho viaggiato in giro per tutta l'Italia su di un camper. Il nostro movimento è  l'unione della forza del web e delle piazze. La chiave  questa simbiosi".