Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/guerra-del-vecchio-luxottica-cda-buonuscita-9eaae227-70a2-45a7-9be9-aae6e5b5297b.html | rainews/live/ | (none)
ECONOMIA

Grandi gruppi

Rivoluzione al vertice di Luxottica. Lascia l'ad Guerra: 45 milioni per l'addio

L'amministratore delegato saluta dopo 10 anni: per lui si parla di un ruolo nel governo. Del Vecchio: "Da adesso dividiamo le deleghe in un triumvirato"

Condividi
Il presidente del gruppo Luxottica, Leonardo Del Vecchio, ha annunciato che l'ad Andrea Guerra ha già lasciato l'azienda, come ha deliberato il consiglio d'amministrazione. Del Vecchio ha spiegato che ora Luxottica sarà guidata da un triumvirato: "Tutto sarà uguale a prima - ha spiegato il presidente - ora invece di un'unica guida operativa ne avrò tre, ho diviso le responsabilità in tre: due di questi sono in azienda, ed è un avanzamento di carriera, e uno all'esterno". Del Vecchio ha sottolineato che i piani aziendali continueranno e "speriamo in una crescita solida di minimo il 7% annuo" e ha aggiunto che "sono stati fatti dieci anni con Guerra e ora ne faremo altri dieci con una guida a tre".

Del Vecchio ha confermato le indiscrezioni emerse da un consigliere del Cda in merito alla buonuscita di Andrea Guerra: "Certamente - ha affermato - il Cda ha approvato la sua uscita e Andrea Guerra non ha preteso niente di più di quel che era suo diritto, è stato molto elegante, è una persona che rispetto, ho apprezzato quello che ha fatto per l'azienda". Ma in merito alle indiscrezioni sul diverbio che ci sarebbe stato fra lui e l'ad, Del Vecchio si è premurato di precisare che "purtroppo si sono divisi i progetti futuri, lui aveva dei progetti, io ne avevo altri, ma c'è stata consensualità". All'ex amministratore delegato di Luxottica è stato corrisposto per il suo addio al gruppo un compenso complessivo di 45 milioni tra buonuscita, patto di non concorrenza ed esercizio di stock option.

E' quanto emerge da un comunicato diramato da Luxottica in cui si sottolinea che l'incentivo all'esodo è quantificato in dieci milioni lordi. Oltre a questo è previsto un patto di non concorrenza di ottocentomila euro lordi. E' stata inoltre concordata la vendita delle 813.500 azioni Luxottica già di titolarità di Andrea Guerra all'azionista di riferimento della società in quanto rivenienti dal precedente esercizio di piani di incentivazione a un prezzo di 41,5 euro per azione per un controvalore di 33,7 milioni. Nel nuovo assetto Enrico Cavatorta, attuale direttore generale del Gruppo, è stato nominato ad delle funzioni corporate e, pro tempore, dei mercati, in attesa della nomina del secondo amministratore delegato, che è in via di definizione. Le Operations, guidate da Massimo Vian, riporteranno temporaneamente al presidente Del Vecchio. 
Condividi