Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/handicap-disabilita-sensibilizzazione-manichini-zurigo-54f12ef5-aa8a-4858-9799-ca7ab6524654.html | rainews/live/ | true
PEOPLE

Obiettivo riflettere sulla disabilità anche mentre si guardano le vetrine

Manichini con handicap

‘Nessuno è perfetto. Avvicinatevi!’: l’organizzazione svizzera Pro Infirmis ha creato manichini con disabilità ispirandosi a persone in carne ed ossa

Nessuno è perfetto (PHOTOPRESS/Alexandra Wey)
Condividi
Sono un presentatore radiofonico, un atleta, un blogger, un attore e una miss. Cinque persone a cui sono stati dedicati i manichini di cinque negozi di moda sulla Bahnofstrasse di Zurigo. Ma i loro manichini, proprio come i loro corpi, sono tutt’altro che perfetti. Scoliosi o osteogenesi imperfetta, colonna vertebrale curvata, arti corti e deformati: questi sono i loro handicap. Handicap che non gli hanno comunque impedito di posare per la creazione di manichini con le loro forme.

Il progetto
L’iniziativa “Nessuno è perfetto. Avvicinatevi!” è stata della Pro Infirmis, organizzazione svizzera per persone disabili, familiari e specialisti, in occasione della Giornata internazionale delle persone disabili. L’obiettivo era invitare i passanti a riflettere sull’accettazione delle persone con handicap. Tutto l’evento, dalla raccolta delle misure fino alla creazione ed esposizione dei manichini, è stato documentato con un breve cortometraggio del regista Alain Gsponer.

I manichini sono riproduzioni in grandezza naturale di Alex Oberholzer (presentatore radiofonico e critico cinematografico), Jasmin Rechsteiner (Miss Handicap 2010), Urs Kolly (atleta), Erwin Aljukic (attore), Nadia Schmid (blogger). “Per me è stato un momento molto particolare vedere per la prima volta il mio corpo trasposto in un manichino” ha detto Jasmin.

L’organizzazione
Mark Zumbühl, membro della Direzione di Pro Infirmis, ha commentato il progetto: "Spesso passiamo il tempo a rincorrere un ideale invece di accettare la vita in tutte le sue sfaccettature. Pro Infirmis si impegna in modo particolare a favore dell’accettazione dell’handicap e dell’inclusione delle persone disabili”.

L’organizzazione si occupa di handicap, consiglia, accompagna e sostiene le persone disabili, i loro familiari e gli specialisti di tutta la Svizzera, e ogni anno coinvolge circa 150mila le persone.
Condividi