Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/ho-penetrato-per-caso-quella-ragazza-dopo-aver-inciampato-assolto-il-milionario-accusato-di-aver-stuprato-una-ragazza-3cb28653-ce7b-4dfe-ae26-e1347fc22948.html | rainews/live/ | true
MONDO

Gran Bretagna

"Sono caduto e l'ho penetrata": l'assurda tesi dello stupro da inciampo del milionario saudita

Accusato di violenza carnale da una 18enne, un milionario saudita di 40 anni si era difeso così: sono rotolato su di lei dopo l'amplesso con l'altra. Una Corte londinese lo ha assolto. Certo non per la penetrazione "accidentale"...

Condividi
Forse non lo sapevate, ma una caduta dopo un inciampo può anche provocare l’involontaria penetrazione sessuale di una donna. Una buccia di banana, una macchia d’olio, un ingombro improvviso, un marciapiede, un comodino possono rappresentare, per un uomo, un danno ben oltre la caduta: un’accusa per violenza carnale.

E’ la storia raccontata ai giudici di un tribunale londinese da un milionario saudita, che qualche mese fa ha aperto, in Gran Bretagna, una discussione sugli ampi rischi di una caduta, inserendo nella casistica “l’accidentale penetrazione di una ragazza” dopo che una 18enne lo aveva accusato di stupro.

Quella sera, Ehsan Abdulaziz, 40enne uomo d’affari, aveva invitato due donne nel suo appartamento di Maida Vale. La 18enne raccontò agli investigatori di essersi addormentata sul divano e di essersi svegliata nel momento della penetrazione. Lui, Ehsan, si era quindi giustificato raccontando di essere “rotolato sulla ragazza, dopo aver fatto sesso con l’altra ospite, 24 anni, trascinato dall’amplesso”. La Corte di Southwark Crown Court ieri ha assolto lo “stupratore”. Non certo per l'accidentale penetrazione da caduta, ma perché ha stabilito che la 18enne si trovava nell’appartamento non per ammirare una innocente collezione di farfalle.
Condividi