Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/iaquinta-ndrangheta-pistole-perquisizione-inchiesta-1b17cada-9062-4a38-b1a0-24d00809293d.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Inchiesta

Ndrangheta. Perquisita la casa dell'ex calciatore Iaquinta. Ma non è indagato

Carabinieri in visita dell'ex campione del mondo del 2006: sono sue le pistole trovate in casa del padre arrestato nell'inchiesta sulla 'ndrangheta al Nord

Condividi
L'ex calciatore della nazionale azzurra campione del mondo e della Juventus Vincenzo Iaquinta è stato perquisito dai carabinieri. I militari sono andati nella sua casa di Roncolo di Quattro Castella, nel Reggiano, dopo che avevano trovato a Reggiolo, nell'abitazione del padre Giuseppe, due pistole intestate al figlio, che non risulta formalmente indagato. La sua posizione è al vaglio della Procura.

Le armi, un revolver calibro 357 magnum e una semiautomatica calibro 7,65, erano in una cassaforte.
Giuseppe Iaquinta, accusato fra l'altro di associazione a delinquere di tipo mafioso, non poteva avere armi da quando era stato colpito da un divieto della prefettura di Reggio Emilia.
Giuseppe Iaquinta risulta tra i 117 arrestati nei giorni scorsi nell'ambito dell'operazione Aemilia della DDA di Bologna contro la 'Ndrangheta nel Nord Italia.

La cena
Il provvedimento era stato attivato da luglio 2012, in seguito alla cena del 21 marzo di quell'anno, quando l'imprenditore aveva partecipato in un ristorante di Reggio Emilia, insieme ad alcuni esponenti legati alla cosca Grande Aracri, alla "famosa" serata, di cui si parla nell'ordinanza del Gip Alberto Ziroldi. Lì, per gli inquirenti, venne siglato un patto tra i calabresi e il politico Giuseppe Pagliani, di Forza Italia, pure lui arrestato.
Dopo che i carabinieri hanno trovato e sequestrato le due pistole dal padre e alcune munizioni, sono scattate d'iniziativa di polizia giudiziaria perquisizioni a casa del figlio, ex calciatore, titolare di porto d'armi scaduto nel 2012: non sono state trovate armi. A casa dei fratelli Rosario e Luigi Iaquinta sono invece state trovate, regolarmente denunciate, le armi inizialmente detenute dal padre, prima del divieto.

Le indagini
Ora la posizione dell'ex azzurro sarà valutata. Il suo nome compare in alcuni passaggi dell'ordinanza del Gip: avrebbe infatti partecipato a una cena il 5 luglio del 2011 al ristorante di Reggio Emilia di Pasquale Brescia, uno degli indagati nell'inchiesta. Alla cena parteciparono altre persone indagate, oltre al padre dell'attaccante. Secondo il gip in quell'incontro erano stati trattati "argomenti di rilievo per lo sviluppo economico della cellula".
Intanto sono ormai conclusi gli interrogatori degli arrestati. Uno dei destinatari delle misure di custodia, l'imprenditore edile Palmo Vertinelli, risulta ancora latitante. Secondo l'ordinanza del gip era "la forza economica" del boss Nicolino Grande Aracri in Emilia.
Condividi