SCIENZA

Ig Nobel 2015

"Ignobili" 2015, i premi alla ricerca inutile (ma che può servire)

Anche quest'anno c'è stata la consegna del (poco) ambito riconoscimento, il contrario del Nobel, ma conferito comunque a scienziati. Per ricerche che sembrano stravaganti, quanto inutili: eppure sono uno stimolo per traguardi più ambiziosi

Condividi
Il loro motto è "prima ridi, ma poi ci pensi": realismo applicato a filoni scientifici che ai profani sembrano un inutile spreco di tempo e soldi, alcune ricerche fanno sorridere per quanto appaiono addirittura puerili: eppure anche gli IG NOBEL hanno un loro perché, e sono arrivati alla venticinquesima edizione, sempre all'Università di Harvard, la prima al mondo per valore scientifico.

Quest'anno sono state premiate ricerche che vanno da quanti figli possa avere un maschio durante la sua vita a dove faccia più male essere punti da una ape a quanto si impiega a fare la pipì.

Studi comparativi, di biologia ed antropologia, hanno portato ad una certezza mondiale: occorrono 21 secondi, per svuotare la vescica. E questo vale per tutti i mammiferi. La ricerca ha dimostrato che la durata della minzione non cambia a seconda della taglia del corpo. A cosa serve, vi chiedete? Al momento forse a niente, ma in un futuro chissà addirittura per gli astronauti. Dato che uno di loro, agli albori delle missioni spaziali, allagò la tuta in cui era rinchiuso, perché non gli avevano inserito un catetere e lui proprio non ce la faceva a trattenerla. E si sa i liquidi come si comportano, in assenza di gravità.

Altra ricerca che ha vinto l'IG NOBEL, per la chimica, è stata quella che ha dimostrato come riportare allo stato liquido un uovo bollito. E poi, per l'entomologia e la fisiologia, quale parte del corpo sia più sensibile e quindi dolorante, per una puntura di ape. Gli eroici scienziati hanno sperimentato su se stessi, sottoponendosi stoicamente a 25 punture in varie parti del loro corpo: il labbro superiore, le narici e (c'era da aspettarselo) il pene, le parti da proteggere accuratamente da un'ape impazzita.

Decisamente più gradevole la sperimentazione a cui si sono dovuti sottoporre gli scienziati che hanno dimostrato come un bacio appassionato abbia effetti positivi per il corpo, un po' si fa fatica a intravedere la immediata utilizzazione di una nuova diagnostica, pare infallibile, per determinare se una persona abbia un'appendicite acuta: in base al dolore che prova durante il tragitto in auto, sobbalzando su strade disconnesse ( ma se prende piede, anche per altre patologie, in molte città italiane potremmo fare a meno di lastre, ecografie e tac, che le buche non ci mancano).

Altre due segnalazioni per gli IG NOBEL di quest'anno sono doverose: per i ricercatori che hanno dimostrato come un imperatore marocchino del passato abbia avuto 888 figli in 32 anni. Ebbene sì, è possibile se ci si applica almeno tre volte al giorno, avendo a disposizione un harem ovviamente.

E l'altra, che ha certificato come ad ogni latitudine, ma propio dappertutto nel mondo, chi non capisce qualcosa dica "huh?", a prescindere dalla sua lingua. 
Condividi