Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/il-turismo-non-abbandona-la-grecia-nonostante-la-crisi-7b819762-4831-4992-af17-45451c332022.html | rainews/live/ | (none)
TENDENZE

La crisi non spaventa nemmeno il turista di lusso che arriva in yacht

Da Google alla startup la conferma: la Grecia è trendy

Dall'Italia, dalla Francia, dagli Stati Uniti: i turisti stranieri non abbandonano la Grecia e le prenotazioni tornano ai livelli normali. Restano in attesa soltanto i tedeschi e per loro gli operatori turistici ellenici puntano sul marketing

Condividi
Atene E’ la prima in classifica del Google Summer Trends 2015. Parlando delle mete di vacanza più cercate nel motore di ricerca, è evidente l’interesse per le località balneari e in particolare quelle del bacino del Mediterraneo, prima tra tutte, a sorpresa, la Grecia. Seguita da Puglia, Croazia, Sardegna, Sicilia, Liguria.

Tornano i turisti
Le prenotazioni last-minute hanno iniziato a riprendersi nella maggior parte dei mercati esteri per tutta la durata della stagione turistica, subito dopo l'accordo del governo con i creditori, ha dichiarato alla stampa locale il presidente dell'associazione delle aziende turistiche elleniche Sete, Andreas Andreadis.

Restano gli yacht
Atene in difficoltà non spaventa il turista last-minute e nemmeno l’esigente cliente straniero che arriva in barca: ai primi quattro posti della classifica delle marine più richieste, dopo Ibiza, si piazzano tre approdi greci (Gouvia Marina a Kontokali, Lefkas Marina a Levkas e Kalamata Marina nell’omonima località). Lo conferma un'indagine sulle prenotazioni di viaggi in yacht, condotta dalla startup sarda Marinanow.

Marketing per catturare i tedeschi
Restano in stand-by soltanto i turisti tedeschi, che chiedono agli operatori  turistici se sarebbero i benvenuti nel Paese. Per questo l’associazione Sete, riferisce la stampa greca, vuole adottare una campagna di marketing per riportare nel Paese i cittadini della Germania. Secondo il presidente di Sete Andreadis, inoltre,  le prenotazioni dall’Italia e dalla Francia sono tornate ai consueti livelli e quelle dagli Stati Uniti non hanno subito alcuna variazione.  
Condividi