Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/impeachment-il-senato-da-il-via-alle-formalita-trump-dice-ai-giornalisti-che-andra-a-davos-1bcdb8ce-a1e4-48bd-970a-2020f33e0ced.html | rainews/live/ | true
MONDO

Osservatorio del Congresso: "Ha violato la legge"

Impeachment, Trump: "Sarà un processo rapido, forse vado a Davos"

Inizia al Senato il processo di impeachment, Trump affermato che "dovrebbe essere molto rapido", tanto che, nei giorni del dibattito, pensa di andare a Davos a trovare i leader mondiali della finanza e della politica

Condividi

"Sono stato messo in stato d'accusa per aver fatto una telefonata perfetta!". Così il presidente Usa, Donald Trump, su Twitter.

L'accusa è che, nella telefonata, Trump abbia fatto pressioni sul leader di Kiev per aprire un'inchiesta in Ucraina per corruzione sul suo rivale Joe Biden e il figlio, in cambio dello sblocco di aiuti militari dagli Usa.



Processo molto rapido
Nel giorno in cui formalmente si apre al Senato il processo di impeachment, che ha al centro la sua chiamata all'omologo ucraino Volodymyr Zelensky, Trump ha ancora definito il processo "una truffa" ed una "vergogna" ma ha anche affermato che il processo di impeachment del Senato "dovrebbe essere molto rapido", e non sembra esserne preoccupato:  "Probabilmente andrò a Davos ed incontrerò i grandi leader del business ed i leader politici stranieri", ha detto ai giornalisti nello Studio ovale. 

Vado a Davos per il Wef
"Stiamo facendo così bene e voglio fare di più" ha detto riferendosi all'economia americana ed alla sua possibile partecipazione al summit del  World Economic Forum,  che si svolgerà a Davos, in Svizzera dal 21 al 24 gennaio, proprio nei giorni in cui si celebrerà il processo di impeachment.

Ha violato la legge
L'amministrazione Trump ha violato la legge congelando gli aiuti militari al'Ucraina. Lo afferma l'osservatorio indipendente del Government Accountability Office che punta il dito sulla Casa Bianca. "La legge - si accusa - non permette che il presidente sostituisca le priorità politiche decise dal Congresso con le sue proprie priorità". Intanto, la polizia ucraina ha aperto un'indagine per verificare se l'ex ambasciatrice Usa a Kiev, Marie Yovanovitch, rimossa da Donald Trump, era sotto sorveglianza da parte di persone legate a Rudy Giuliani.

 

Condividi