Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/ior-vaticano-si-dimette-vice-direttore-9df12c36-3787-4105-b4be-cb9b508d16ee.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Nuovo terremoto in Vaticano, si dimette vice direttore generale

Le dimissioni sarebbero scattate in seguito a un'indagine della gendarmeria vaticana

Condividi
  L’ennesimo terremoto che fa tremare il Vaticano con epicentro lo Ior, è scoppiato a seguito di indagini della Gendarmeria vaticana. Quanto emerso ha costretto Giulio Mattietti, aggiunto del Direttore Generale, a dimettersi dal suo incarico. Era stato nominato nel novembre 2015 insieme al direttore generale. Ma esattamente a due anni dal suo ingresso, un licenziamento con espulsione (alcuni gendarmi lo avrebbero accompagnato oltre confine) pone fine all'esperienza di Mattietti.

Della decisione non si conoscono i motivi ma ci sarebbe stato anche un altro analogo provvedimento a carico di un dipendente dell'istituto. Intanto continuano a circolare voci su Jean-Baptiste de Franssu, il presidente che dovrebbe lasciare come effetto domino per il forzato allontanamento del prefetto della Segreteria per l'economia, George Pell. Secondo la rivista Formiche se la passano male tutti gli uomini vicini al cardinale australiano e al revisore generale Libero Milone, allontanato anche lui in modo plateale e drammatico dalla Gendarmeria. Milone era un'altra creatura del cardinale australiano George Pell i cui enormi poteri, Francesco aveva via via ridimensionato fino all'aspettativa che gli ha concesso Papa Francesco perché potesse tornare in Australia a difendersi da infamanti accuse di pedofilia.

Certo è che lo Ior da 40 anni vede susseguirsi scandali senza soluzione di continuita'. "San Pietro non aveva una banca", disse Papa Francesco appena eletto, svelando la possibilità per il Vaticano di fare a meno dello Ior, secondo il progetto che aveva iniziato a definire Papa Luciani in quel suo breve Pontificato. Da allora sono finiti sotto inchiesta l'ex presidente Angelo Caloia e il suo direttore generale Lelio Scaletti, per non chiare operazioni finanziarie, sono stati denunciati e allontanati il direttore generale Paolo Cipriani con il suo vice Massimiliano Tulli, recentemente condannati in Italia per violazione delle norme antiriciclaggio, e sono stati fatti dimettere due presidenti, l'economista Enrico Gotti Tedeschi e l'armatore Ernest von Freyberg. Allontanato inoltre anche Libero Milone, fino al 19 giugno Revisore generale dei conti vaticani.

In quella data Milone si dimise ma, in una intervista, poi accusò: "Non mi sono dimesso volontariamente, sono stato costretto. E racconta che monsignor Becciu, sostituto alla segreteria di Stato, gli comunicò che il rapporto di fiducia col Papa si era incrinato e che "il Santo Padre chiedeva le mie dimissioni. Ne domandai i motivi, e me ne fornì alcuni che mi parvero incredibili. Risposi che le accuse erano false e costruite per ingannare sia lui che Francesco". Il racconto di Milone prosegue: per chiarire si reca alla Gendarmeria vaticana dove - dice - "notai subito un comportamento aggressivo. Sono stato minacciato di arresto. Il capo della Gendarmeria, dottor Giani, mi ha intimidito per costringermi a firmare una lettera che avevano già pronta". 
Condividi