Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/iran-nuove-proteste-e-morti-Rohani-popolo-e-libero-di-manifestare-ma-senza-violenza-5196234c-b1bc-4d37-a7bd-9db3835d12b3.html | rainews/live/ | true
MONDO

La crisi a Teheran

​Iran, nuove proteste e morti. Rohani: popolo è libero di manifestare, ma senza violenza

La televisione statale iraniana riporta che 10 persone sono state uccise durante le proteste in corso nel Paese

Condividi
Non si fermano le proteste in Iran anti governative, contro il carovita e contro la corruzione del regime. La televisione statale iraniana riporta che 10 persone sono state uccise durante le proteste in corso nel Paese. Trecento gli arresti tra Teheran, Izeh e Arak dove 12 agenti di polizia sono rimasti feriti negli attacchi all'ufficio del governatorato della stessa città. Due persone sono rimaste uccise e altre ferite durante le proteste antigovernative a Izeh, una città nella provincia di Khuzestan nel sudovest dell'Iran: lo ha detto il parlamentare iraniano Hedayatollah Khademi all'agenzia di stampa semi ufficiale Ilna, aggiungendo che alcune persone sono state arrestate e che materiale esplosivo è stato trovato nelle loro abitazioni.

Negli scontri della notte tra sabato e domenica almeno due persone sono morte a Doroud, nel Lorestan. Sei le vittime secondo altre fonti, non ufficiali. Nella sola Teheran, inoltre, sono stati arrestati 200 manifestanti, alcuni dei quali già rilasciati, e una quarantina di leader della protesta, accusati di aver organizzato "manifestazioni illegali" e di aver danneggiato proprietà pubbliche, ha reso noto il vicegovernatore della capitale, Nasser Bakht. E proprio per evitare i raduni di strada, le autorità hanno bloccato, anche se "solo temporaneamente", l'accesso ai social netowrk, in particolare Telegram e Instagram.

Ieri in serata è intervenuto per la prima volta dall'inizio delle proteste il presidente iraniano Hassan Rohani, che ha parlato in un incontro del governo trasmesso dalla tv di Stato. "Il popolo iraniano è libero di manifestare", basta che le proteste "siano autorizzate e legali" e che non si trasformino in violenza. "Una cosa è la critica - ha detto - un'altra la violenza e la distruzione della proprietà pubblica". Pur attaccando il presidente americano Trump per le sue "interferenze" e il sostegno su Twitter agli iraniani in piazza, Rohani riconosce tuttavia che il popolo non è solo preoccupato per motivi economici, ma anche "per la corruzione e la trasparenza".

"La gente finalmente ha capito che i loro soldi e il loro benessere viene sperperato per il terrorismo - aveva twittato Trump -. Sembra che gli iraniani non ne possano più. Gli Usa vigilano su eventuali violazioni dei diritti umani".
Condividi