Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/irlanda-nord-scarcerati-due-giovani-fermati-per-morte-giornalista-7015c42c-f65d-4c06-97cc-4d177446c240.html | rainews/live/ | true
MONDO

Irlanda del Nord

Scarcerati i due giovani fermati per la morte di Lyra McKee. Polizia:" Chi ha informazioni ci aiuti"

Il 18enne e il 19enne erano stati fermati in virtù della legge antiterrorismo. Sabato il commissario Jason Murphy aveva detto di credere che "i responsabili" fossero membri del gruppo New Ira, gruppo dissidente legato all'Ira, militante per la riunificazione dell'Irlanda

Condividi
La polizia nordirlandese ha annunciato di aver scarcerato, senza averli incriminati, i due giovani che erano stati fermati nelle indagini sull'omicidio della giornalista Lyra McKee, colpita giovedì sera da uno sparo negli scontri a Londonderry.

Il 18enne e il 19enne erano stati fermati in virtù della legge antiterrorismo. Scarcerandoli, le autorità hanno anche lanciato un nuovo appello a eventuali testimoni. Secondo la polizia, la 29enne è stata uccisa da un uomo che ha sparato contro gli agenti intervenuti a Creggan. Tutto è iniziato nella tarda serata del 18 aprile, quando la polizia ha avviato delle perquisizioni in alcune case del quartiere ultra-repubblicano alle spalle del più celebre Bogside (il luogo del “Bloody Sunday” del 1972).

L’azione degli agenti, che temevano attacchi armati proprio nel weekend pasquale, ha scatenato la rivolta di decine di persone, definiti “dissidenti repubblicani”, ossia irlandesi cattolici che non accettano gli accordi di Pace del 1998 e che tuttora vogliono un’Irlanda unita, da raggiungere a qualsiasi costo, anche con la violenza più bieca. I dissidenti hanno lanciato una cinquantina di molotov contro i poliziotti, messo a fuoco due loro macchine, ma gli agenti non hanno risposto all'offensiva. Fino a quando alle 23 è spuntato tra gli aggressori “un uomo mascherato”, o forse più di uno, che ha cominciato a sparare alle forze dell’ordine. Un proiettile vagante ha ferito mortalmente Lyra McKee, giornalista, scrittrice e attivista per i diritti omosessuali, che è morta poco dopo in ospedale. 

Sabato il commissario Jason Murphy aveva detto di credere che "i responsabili" fossero membri del gruppo New Ira, gruppo dissidente legato all'Ira, militante per la riunificazione dell'Irlanda.
Condividi