Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/italiani-europa-cannabis-cocaina-consumo-droga-9873c14c-0866-47da-af32-9c63c3329324.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Aumentano i decessi per overdose

Italiani al terzo posto in Europa per consumo di cannabis e quarti per cocaina

Con il 33,1% gli italiani vengono preceduti dalla Francia e dalla Danimarca

Condividi
Gli italiani sono al terzo posto in Europa per consumo di cannabis e quarti per uso di cocaina. Questi sono i dati che emergono dal rapporto dell’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze. Nell’ultimo anno il consumo di cocaina e eroina sono rimasti stabili nel complesso ma con alcuni segnali di aumento. Il dato allarmante è l’aumento dei decessi per overdose, soprattutto nel Regno Unito.

Cannabis
Resta la sostanza stupefacente più diffusa e consumata in Europa. Nell’ultimo anno infatti ne hanno fatto uso 24 milioni di adulti, con il 20,7% di giovani in Italia tra i 15 e i 34 anni, facendoci essere il terzo consumatore d’Europa (33,1%). Queste percentuali sono superate solamente dalla Francia, che ci precede con il 41,4% e dalla Danimarca prima nell’Unione con il 38,4%.

Cocaina
La “polvere bianca” è invece stata consumata da 3,5 milioni di europei lo scorso anno. L’uso è molto frequente soprattutto tra i giovani britannici (4%), danesi (3,9%) e olandesi (3,7%). Nel nostro Paese solo 1,9% dei giovani ne ha fatto uso nell’ultimo anno, ma se si guarda al tasso nell’intero arco della vita si sale al 6,8%. Questo è il quarto dato più elevato dopo il Regno Unito (9,7%), Spagna (9,1%) e Irlanda (7,1%).

Ecstasy
Nell’ultimo anno è stata assunta da 2,6 milioni di persone; in Italia il fenomeno riguarda il 2,8% della popolazione, un dato molto basso se si considerano invece il 9,2% di Irlanda e Olanda e il 9% del Regno Unito. La produzione di ecstasy in Europa è concentrata soprattutto nei Paesi Bassi e in Belgio, con 11 laboratori smantellati nel 2016, più del doppio del 2015. Inoltre questa sostanza viene esportata in altre parti del mondo: la polizia australiana ha denunciato il più elevato quantitativo di ecstasy sequestrata nel 2016 (1,2 tonnellate) proveniente dall’Europa.

L’aumento dei decessi
L’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze  segnala inoltre l’aumento del numero di decessi correlati all’eroina in Europa, soprattutto in Inghilterra. Insieme alla morfina sono state menzionate in relazione ai 1.177 decessi registrati nel 2015, con un aumento del 18% all’anno precedente. I decessi legati a eroina e morfina sono aumentati anche in Scozia (473) e in Francia (coinvolta nel 30% dei decessi per overdose nel 2015, rispetto al 15% del 2012).
Condividi