Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/james-ellroy-perfidia-anticipazione-romanzi-0b487907-86d6-4be8-81be-ce500338b0db.html | rainews/live/ | (none)
CULTURA

Letteratura

Stavolta il pessimista Ellroy diventa anche 'perfido': un'anticipazione del suo nuovo romanzo

Esce tra una settimana in inglese il nuovo romanzo dello scrittore americano, un prequel della sua tetralogia di Los Angeles: Dalia Nera, Il grande nulla, L.A. Confidential, White Jazz. The Hollywood Reporter ne anticipa uno stralcio

James Ellroy
Condividi
di Emma Farnè Dicembre 1941, l'America è sull'orlo della seconda guerra mondiale. Los Angeles è stata un porto sicuro per i giapponesi che vivono in America, ma dopo l'attacco di Pearl Harbour iniziano gli internamenti, anche per chi è sempre stato fedele agli Stati Uniti. È su questo sfondo che è ambientato il nuovo romanzo di James Ellroy, Perfidia: in uscita in inglese l'11 settembre. The Hollywood Reporter ne anticipa uno stralcio:




Il romanzo inizia con una pagina di diario, datata 6 dicembre 1941, la guerra che si affaccia con una fila di veicoli armati. A scrivere è una ragazza bohemienne del South Dakota che vive a Los Angeles. Si chiama Kay Lake e racconta: "Leggevo Karl Marx, credevo solo a un terzo di quello che c'era scritto e andavo a un sacco di eventi serali di sinistra. Sposavo la sinistra come se fosse un accessorio di moda".

La storia poi avrà al centro le indagini per l'omicidio di una famiglia giapponese che mettono insieme quattro strani personaggi: William H.Parker, ambizioso capitano della polizia di Los Angeles; Dudley Smith, irlandese ed ex omicida dell'Ira; Kay Lake, una giovane in cerca di avventura e autrice del diario e Hideo Ashita, l'unico poliziotto giapponese di Los Angeles. La storia si snoda sul rapporto tra i quattro: compagni, rivali, amanti. 

Il romanzo è un prequel della tetralogia di Ellroy su Los Angeles, quello iniziato con la Dalia nera. "Un grande romanzo americano", scrivono già i giornali negli Stati Uniti. Per la traduzione in italiano, c'è da aspettare ancora qualche mese. 

Condividi