SPORT

Serie A, sesta giornata

La Juventus suona la sesta: Toro maltrattato nel derby: 4-0

Dybala (doppietta), Pjanic e Alex Sandro a segno in una partita senza storia, condizionata anche dal rosso al granata Baselli al 24' del primo tempo. Schiacciante comunque la superiorità dei bianconeri

Condividi
di Gianluca Luceri Una super Juve prosegue spedita nel suo percorso netto. La sesta vittoria consecutiva arriva nel 194° derby della Mole, con il Torino che subisce una dura lezione: all’Allianz Stadium finisce 4-0.
La vera sorpresa, nelle formazioni, la regala Allegri lasciando Higuain in panchina, con Mandzukic riportato così nel ruolo di punta centrale. Partenza a tutto gas dei bianconeri che al 4’ potrebbero già passare complice un disastroso retropassaggio del centrale brasiliano Lyanco, al debutto: Sirigu in scivolata evita l’autogol. Due giri di lancette e Cuadrado, dopo aver seminato lo scompiglio in area, conclude appena alto. I granata provano ad alleggerire la pressione con una conclusione di Ljajic potente ma imprecisa. Al 16’ la Juve timbra: Pjanic toglie la sfera a Rincon che finisce sui piedi di Dybala, l’argentino s’invola e di sinistro non dà scampo a Sirigu. Otto minuti dopo (24’) si mette male per il Toro, che resta in dieci: Baselli prende il secondo giallo per un entrataccia scomposta su Pjanic e viene espulso. Appare giusta la decisione di Giacomelli. Mihajlovic prova a correre ai ripari togliendo un attaccante, Iago Falque, e inserendo un centrocampista, Acquah. Ma la ‘toppa’ non regge. Al 29’ Lyanco evita il peggio sul tiro al volo di Cuadrado, al 40’ lo stesso colombiano serve a Pjanic il pallone con cui il bosniaco, con un’imparabile conclusione dal limite di interno destro, firma il raddoppio. Juve padrona del match.
La ripresa porta ancora cattive notizie ai granata. Al 48’ Alex Sandro, con un sinistro dalla distanza appena alto, fa le prove del 3-0 che arriva al 57’: su corner di Pjanic, il brasiliano stacca indisturbato e fa centro. Il monologo bianconero continua: Sirigu compie due miracoli su Benatia (66’) e Dybala (69’), poi è salvato dal palo, che dice no a Mandzukic (70’). Centravanti croato ancora vicino al poker al 77’, ma anche stavolta Sirigu ci mette una pezza. Ma non è finita perché nel recupero (91'), con un morbido tocco sotto, Dybala graffia per la quarta volta. Per la 'Joya' è la decima rete in sei gare: numeri importanti. In inferiorità numerica, il Toro non trova la forza di impensierire gli avversari. Sipario su una partita senza storia.
Condividi