Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/la-family-room-dei-parenti-delle-vittime-dell-11-settembre-ora-e-un-museo-ad-albany-nello-stato-di-New-York-99971a38-1b33-4ce5-a43d-c8dcc563866d.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

La stanza in cui i parenti hanno trovato conforto ora è visitabile ad Albany

9/11: Visita la "Family Room", un tuffo nel ricordo delle vittime

13 anni dopo l'11 settembre, a 150 miglia a nord di Ground Zero, la Family Room -la stanza creata dai parenti delle vittime del World Trade Center per trovare conforto e ricordare i propri cari- ha aperto al pubblico per la prima volta, in una mostra presso il Museo di Stato di New York ad Albany. Un percorso tra gli oggetti e le foto di chi non c'è più, un luogo dove chi ha perso qualcuno nell'attacco alle Torri Gemelle andava (e andrà) per sentirsi meno solo.

Condividi
Albany, State of New York Mille storie di amore e di perdita, un bazar fatto di abiti, fotografie, candele, oggetti di una quotidianità spezzata. Anche un paio di occhiali accompagnati da un biglietto su cui si legge: «Così in paradiso potrai vedere».  Al 20esimo piano di un grattacielo che si affaccia su Ground Zero a New York, i familiari delle vittime dell'11 settembre potevano salire anche di notte e nei giorni festivi, semplicemente presentando un documento di riconoscimento. Chi entrava nella family room aveva voglia di stare solo con i propri ricordi, di creare un legame le persone scomparse nell'attentato al World Trade Center. Dal 2002 pezzo per pezzo, senza pianificazione, un ufficio spartano è stato trasformato in un santuario dove chi ha subito una perdita quel giorno ha custodito tutti gli oggetti del proprio marito, figlio, amico scomparso. Pareti tappezzate, vetri oscurati da bigliettini e fotografie, un area giochi dedicata ai bambini: la family room è sempre stata un luogo intimo e personale, dove ritrovarsi. 

La trasformazione in un museo
Quando questa estate la Family Room è stata sostituita da un nuovo spazio privato, è stato deciso di trasformare il contenuto in un'esposizione, acquisita dallo State Museum. Il museo di Albany ha creato uno spazio per ospitare i cimeli delle oltre 1000 vittime dell'11 settembre. L'apertura al pubblico di questo scrigno di ricordi è stata una decisone presa dai familiari: da oggi chi varcherà la soglia dello State Museum di Albany potrà entrare nella loro vita per una giusta causa: ricordare.


 
Condividi