Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/lettera-polvere-sospetta-palazzo-chigi-1f4a0bed-6fa9-4fb3-b1ab-fb9744e02432.html | rainews/media/ | (none)
ITALIA

Palazzo Chigi

Lettera con polvere sospetta alla Kyenge, era bicarbonato

Allarme rientrato a palazzo Chigi, la polvere contenuta nella lettera indirizzata alla ministra Kyenge era semplice bicarbonato

Cecile Kyenge
Condividi
Roma L'ufficio postale di palazzo Chigi ha richiesto questa mattina l'intervento dei Vigili del Fuoco per una lettera sospetta destinata al ministro per l'Integrazione Cecile Kyenge. Dalla lettera è fuoriuscita della polvere sospetta ma, viene spiegato, l'allarme è subito rientrato.
 
Il plico, una normale busta bianca da corrispondenza, é stato recapitato questa mattina all'ufficio postale della sede del governo alle 9,30. Come tutta la posta in arrivo, è stato esaminato ai raggi X che hanno segnalato al suo interno la presenza di una polvere. I Vigili del fuoco, intervenuti dopo pochi minuti, hanno accertato che si trattava di polvere di bicarbonato. La busta è stata presa in consegna dai responsabili dell'Ispettorato di Palazzo Chigi.

Allarme rientrato dunque anche se resta la preoccupazione per la gravità di un gesto che appare comunque intimidatorio. Il bicarbonato, una polvere bianca che può essere scambiato per altre sostanze da un occhio inesperto, è tra l'altro usato per pulire, sbiancare gli indumenti o disinfettare frutta e verdure. E facile potrebbe essere quindi l'accostamento tra il colore della pelle della ministra e il messaggio legato alla polvere contenuta nella busta.
 
Solidarietà al ministro è stata espressa dalla vicepresidente del Senato Valeria Fedeli: “Le minacce nei confronti della ministra Kyenge sono arrivate a un livello intollerabile! Ieri un giornale nazionale pubblicava gli appuntamenti di Kyenge e questa mattina si sospettava di una lettera indirizzata a palazzo Chigi anche se per fortuna l'allarme sembra rientrato”. "Si tratta – ha aggiunto la Fedeli- di atti di violenza e intimidazione frutto di un clima di intolleranza, di razzismo e sessismo che in questi giorni si è fatto sempre più pesante e pericoloso, un clima e un atteggiamento di discriminazione che io non credo rispettino il vero sentimento degli italiani e che nulla hanno a che fare con un paese civile e democratico".
 
 
La Kyenge
"Non sono ancora sicura che la lettera fosse indirizzata a me e quindi non posso fare commenti” ha detto il ministro dell'Integrazione, Cecile Kyenge, interpellata in merito al plico sospetto arrivato a palazzo Chigi e che sarebbe a lei indirizzato.
 
Bossi: “Sbagliata l’iniziativa de La Padania”
L’ex segretario e fondatore della Lega Nord sconfessa l’iniziativa del quotidiano La Padania: “E’ un errore, si fa pubblicità gratuita ad un ministro che non fa niente, che non lavora. Non ha nulla da dire”. L’iniziativa in questione, discutibile, è quella di pubblicare l’agenda quotidiana degli appuntamenti del ministro Kyenge e di seguirla in ogni suo spostamento.

L'intervista al Tg3
Il ministro per l'Integrazione Cecile Kyenge - intervistata dal Tg3 - ha definito altra cosa rispetto ''alla libertà di stampa'' la campagna portata avanti dal quotidiano 'La Padania' nei suoi confronti. Il ministro ha poi aggiunto a Lega "sta facendo una campagna
elettorale, strumentalizzano la paura e il vuoto di diversi anni delle politiche dell'immigrazione che hanno avuto non l'approccio dell'integrazione ma dell'esclusione. La responsabilità è politica"
Condividi