POLITICA

Campidoglio

Roma, è Luca Montuori il nuovo assessore all'Urbanistica

Condividi
È Luca Montuori il nuovo assessore all'Urbanistica e ai Lavori Pubblici del Comune di Roma. Lo ha annunciato la sindaca Virginia Raggi in conferenza stampa. Montuori succede a Paolo Berdini, che si è dimesso alcune settimane fa lasciando le deleghe ad interim alla stessa sindaca.

"Vi presento il nuovo assessore all'urbanistica e ai lavori pubblici - ha detto la sindaca Virginia Raggi in una conferenza stampa - Luca Montuori lavora con noi già da qualche mese, abbiamo avuto modo di conoscerlo e apprezzarne le qualità. Sono certa che porterà in giunta la sua esperienza, competenza e qualità e condividerà il percorso M5s nel quale le decisioni sono partecipate". Raggi ha confermato l'intenzione di spacchettare le deleghe di Urbanistica e Lavori Pubblici, spiegando che Montuori manterrà la seconda delega solo temporaneamente. "Abbiamo preso la decisione di separare gli assessorati, continuiamo a fare colloqui, intanto Montuori ha accettato di tenere le deleghe in maniera temporanea".

Luca Montuori, 52 anni, romano e professore associato di progettazione urbanistica all' Università di Roma Tre, era capo staff dell'assessore alla Cultura e vicesindaco Luca Bergamo. Una laurea alla Sapienza nel '93 e un dottorato a Firenze sui temi del paesaggio contemporaneo, Montuori ha fondato nel 2001 lo studio 2tr-architettura, con cui ha partecipato a concorsi internazionali con premi e menzioni. Membro del Comitato Scientifico della Casa dell'Architettura di Roma, ha svolto attività didattica e di ricerca con università e stituzioni italiane e straniere. E nel suo curriculum c'è anche una consulenza per lo svolgimento delle procedure concorsuali della unità operativa 11 del dipartimento urbanistica del Comune di Roma. 

Il neo assessore Montuori arriva giusto in tempo per affrontare uno dei dossier più caldi in Campidoglio di questi tempi: lo stadio della As Roma a Tor di Valle. In settimana infatti è atteso a Palazzo Senatorio l'arrivo del progetto rinnovato dopo l'accordo con i proponenti che prevede un taglio del 50 per cento delle cubature, a cui farà seguito la stesura della delibera di 'novazione' per ratificare anche in assemblea capitolina l'ok all'interesse pubblico del Comune. Al neo assessore - che potrebbe essere affiancato da un secondo ingresso in giunta (forse una donna) con le deleghe ai Lavori Pubblici - arriverà la 'pesante' eredità di Berdini. Dovrà lavorare non solo alla complessa questione stadio ma anche al piano per gli ex Mercati Generali, alla riqualificazione delle periferie fino al nodo dei piani di zona.

Montuori: presa decisione importante, ottimo punto partenza
"L'Amministrazione ha preso una decisione importantissima, è un punto di partenza ottimo, ci si lavorerà su. E' un occasione importantissima per la città e va sfruttata  al meglio". Lo ha detto in conferenza stampa il neo assessore all'Urbanistica Montuori, parlando del dossier stadio Roma.

Intanto, è già stato nominato il nuovo city manager di Roma Capitale, Franco Giampaoletti. Scelto da Raggi, la sua nomina è stata ratificata venerdì scorso dalla giunta capitolina. E' stato direttore generale del Comune di Genova, dal settembre 2015 al dicembre scorso, quando è diventato direttore di Unicoop Tirreno. Giampaoletti, nato ad Ancona, 56 anni, è laureato in giurisprudenza e ha un'esperienza di oltre 20 anni nella gestione delle risorse umane in aziende industriali con organizzazione multinazionale. Anche sul suo tavolo il progetto dell'impianto a Tor di Valle sarà tra i primi a fare capolino. Con il suo arrivo si arricchisce la pattuglia di "genovesi": anche il segretario generale del Campidoglio, Pietro Paolo Mileti, aveva ricoperto lo stesso incarico al Comune di Genova.
Condividi