Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/mafia-messina-denaro-blitz-carabinieri-castelvetrano-7fa0a872-e05e-4b4b-b98a-181713a59f0b.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Assedio a Matteo Messina Denaro: blitz a Castelvetrano

Condividi
Assedio a Matteo Messina Denaro. I carabinieri del Ros e del comando provinciale di Trapani hanno eseguito un fermo e decine di perquisizioni. Catturato l'imprenditore dell'eolico, Matteo Tamburello, figlio del boss di Mazara del Vallo Salvatore, morto l'anno scorso, uno dei fedelissimi del superlatitante. Il fermato è ritenuto tra i piu' ascoltati dai vertici della mafia del territorio come emerge dell'operazione "Eris" coordinata dalla Dda di Palermo.
 
Duecento carabinieri hanno passato al setaccio Castelvetrano, Mazara del Vallo, Campobello di Mazara e Custonaci, svolgendo mirate attività di perquisizione nei confronti di 25 indagati, ritenuti fiancheggiatori e favoreggiatori della latitanza di Messina Denaro. Una ulteriore fase, spiega chi indaga, della manovra di "progressivo depotenziamento dei circuiti di riferimento e il depauperamento delle risorse economiche del sodalizio".    
 
 Le perquisizioni dei numerosi obiettivi individuati (tra cui abitazioni, proprietà rurali ed esercizi commerciali) hanno già permesso di arrestare in flagranza di reato due degli indagati, trovati rispettivamente in possesso di pistole illegalmente detenute (una Baby Browning calibro 635 munita di caricatore con 5 colpi e un revolver calibro 22 con 20 cartucce); di sequestrare apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni, nonché documentazione, materiale questo che è già al vaglio dei tecnici e degli analisti del Ros. Contestualmente i carabinieri hanno dato esecuzione al fermo di indiziato di delitto emesso dalla procura distrettuale antimafia di Palermo nei confronti dell'imprenditore Matteo Tamburello esponente di spicco della famiglia di Cosa nostra di Mazara del Vallo, indagato per associazione mafiosa, trasferimento fraudolento di valori e violazione degli obblighi inerenti la sorveglianza speciale. Scarcerato nel 2015 era tornato riferimento di clan e affari. In cima ai suoi interessi economici l'eolico e stava realizzando un nuovo impianto con un imprenditore mazarese, oggi interessato dalle perquisizioni.  Al centro di questa indagine sono i mandamenti mafiosi di Mazara del Vallo e di Castelvetrano nel cui ambito sono state documentati qualificati rapporti intrattenuti da Tamburello con esponenti riconducibili al reggente del mandamento di Castelvetrano, Gaspare Como, cognato del superlatitante, arrestato sempre dal Ros lo scorso aprile nell'ambito della indagine "Anno zero"
Condividi