Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/malta-migranti-vanessa-frazier-ambasciatrice-malta-f6f62c60-5681-4fcf-a1f7-2452633e7258.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Nave Aquarius

Migranti. Ambasciatore Malta: su Aquarius La Valletta rispetta la legge

L'ambasciatore di Malta in Italia, Vanessa Frazier dice:  "I 629 migranti dell'Aquarius non li accogliamo, è una questione di principio"

Condividi
di Tiziana Di Giovannandrea Prosegue il botta e risposta tra le autorità maltesi e l'Italia sulla vicenda della nave Aquarius con a bordo 629 migranti, tra cui 123 minorenni soli, 11 bambini e 7 donne incinte. In serata l'ambasciatore maltese in Italia Vanessa Frazier intervenendo telefonicamente a 'Non è l'Arena', programma di La7, ha affermato: ""Non abbiamo chiuso i porti, stiamo rispettando la legge che è molto chiara: i soccorsi non sono iniziati in acque maltesi".

Con il ministro dell'Interno Matteo Salvini "siamo molto in linea con la questione migranti. Ma questa volta ha sbagliato: la deve smettere di fare dichiarazioni forti e provocatorie come questa. Non c'entra nulla ora che Malta accolga i 629 migranti soccorsi a bordo di nave Aquarius, pena la chiusura dei porti italiani" ha ancora detto l'ambasciatore.

Il diplomatico ha aggiunto: "I 629 migranti dell'Aquarius non li accogliamo, è una questione di principio. L'operazione SAR (Search and Rescue) nel Mediterraneo, come diffuso da un comunicato del ministero dell'Interno e della Sicurezza Nazionale maltese, è avvenuta nella SAR libica coordinata dal centro RCC di Roma. Per cui è assolutamente escluso che i migranti debbano essere sbarcati a Malta", ha spiegato Frazier. 

Per l'ambasciatore la destinazione dei migranti dovrebbe essere "la Libia o Lampedusa. Ma non a Malta. Il centro di coordinamento per il salvataggio di Malta non ha la competenza, e non è neanche l'autorità di coordinamento. E' senz'altro una questione di principio, una battaglia vera e propria di principio, poiché Malta non è in assoluto contraria all'accoglienza dei migranti, ma è necessario che vengano rispettate le regole, sempre. Ciò che conta non è il porto in cui vengono sbarcati i migranti, quanto piuttosto il luogo in cui avviene il soccorso". "Voglio ricordare che nel momento dei soccorsi i migranti sono stati tratti in salvo da 4 navi, tra cui 2 italiane e un mercantile. Ebbene, vista anche la posizione geografica del soccorso SAR, non vedo cosa possa entrarci Malta. Noi non abbiamo nulla a che fare con questa vicenda", ha concluso l'ambasciatore.
Condividi