Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/maltempo-grandine-forte-vento-veneto-coldiretti-due-miliardi-danni-pazza-estate-c91bec6c-5ad1-48c7-8809-47100f739b25.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Maltempo, Grandine e forte vento in Veneto. Coldiretti: due miliardi di danni dalla pazza estate

Condividi
Forte vento e grandinate hanno colpito nella serata di ieri il Veneto, in particolare la provincia di Padova, dove sono caduti chicchi di ghiaccio delle dimensioni anche di qualche centimetro.

Il maltempo si abbattuto duramente soprattutto nella zona di Conselve e nel monselicense, causando danni alle colture e ai vigneti, prossimi alla vendemmia; dove la grandine  è stata più  intensa si sono contati danni anche alle auto.

In tarda serata i temporali hanno investito anche Padova e le zone a nord della città, muovendosi a 'macchia di leopardo' sul territorio. Nessuna conseguenza per le persone.

Pioggia intensa e forte vento anche su Verona e provincia, mentre altre zone della regione sono state interessate da fenomeni pi modesti. L'effetto positivo  è stato quella di un ricambio rapido dell'aria e un abbassamento delle temperature, dopo un' ennesima giornata molto calda e afosa. 
 
Oltre 150 gli interventi dei Vigili del Fuoco
Sono proseguite tutta la notte le attività di soccorso delle squadre dei vigili del fuoco impegnate dal tardo pomeriggio di ieri per il maltempo, che ha interessato gran parte del Veneto: oltre 150 gli interventi effettuati. La maggior parte degli 
interventi sono stati eseguiti per liberare le strade da rami, piante e pali caduti sulla sede stradale. Soccorsi per incidenti stradali dovute a fuoriuscite degli automobilisti per la scarsa visibilità e perdita di controllo a causa delle condizioni atmosferiche.

Coldiretti: 2 mld di danni da pazza estate
Il maltempo con violenti nubifragi e grandine su una agricoltura stremata dalla siccità aggrava il bilancio di una pazza estate che ha provocato in Italia danni alla produzione agricola nazionale, alle strutture e alle infrastrutture per un totale pari a più di 2 miliardi di euro. Lo afferma la Coldiretti nell'evidenziare gli effetti dei rincorrersi di eventi estremi risultato di tropicalizzazione del clima. Le precipitazioni - sottolinea la Coldiretti - per poter essere assorbite dal terreno devono cadere in modo continuo e non violento mentre gli acquazzoni aggravano i danni e pericolo di frane e smottamenti.

Siamo di fronte quest'anno al moltiplicarsi di eventi estremi con l'alternarsi di caldo anomalo, siccità, bombe d'acqua, grandinate violente e con il divampare i incendi che hanno colpito non solo boschi ma anche animali allevati, pascoli, vigneti e uliveti con un impatto devastante sull'ambiente, l`economia, il lavoro e il turismo. La grandine - conclude la Coldiretti - è la calamità più temuta dagli agricoltori in questa stagione perché provoca danni irreparabili alle coltivazioni vanificando il lavoro di un intero anno. 
Condividi