Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/mattarella-tutela-liberta-stampa-con-sostegno-stato-0985eae4-de3c-4c54-8ac2-8fc1d687b62e.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Cerimonia per i 130 anni di Athesia

Mattarella: "Tutela libertà stampa con il sostegno dello Stato"

"Libertà di stampa e tutela delle minoranze sono anche parte imprescindibile ed essenziale della cittadinanza europea che emerge con forza da queste terre - ha osservato il Capo dello Stato a Merano - tra queste montagne viste come elemento divisione ma in realtà cerniera che unisce"

Condividi
"La libertà di stampa e la tutela delle minoranze linguistiche sono due valori correlati, e sanciti dalla Costituzione". Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenendo a Merano alla cerimonia per i 130 anni del gruppo editoriale Athesia. Il Presidente ha ricordato l'impegno dell'Athesia per questi due valori e le persecuzioni subite in epoca del nazifascismo.

"L'esigenza di tutelare le minoranze, le diverse culture, identità, pensieri e la libertà di stampa richiede anche il sostegno dello Stato perché possa avvenire con concretezza e senza ostacoli - prosegue il Capo dello Stato - L'articolo 6 e l'articolo 21 della nostra Costituzione prevedono la tutela delle minoranze e la libertà di stampa, due valori che hanno un legame fra loro. Un rapporto che è un elemento importante della nostra Repubblica. La tutela delle minoranza è non solo un diritto fondamentale da promuovere concretamente ma anche un interesse generale della Repubblica perché il confronto e il contributo delle minoranze è una ricchezza" per il paese, sottolinea Mattarella. 

Libertà di stampa e tutela delle minoranze sono anche "parte imprescindibile ed essenziale della cittadinanza europea che emerge con forza da queste terre - ha osservato ancora Mattarella - tra queste montagne viste come elemento di divisione ma in realtà cerniera che unisce".

"L'integrazione europea ha messo in comune il futuro dei suoi popoli per cancellare frontiere e superare divisioni" - ha concluso il Presidente della Repubblica -. Questo ha creato una prospettiva crescente che mette in comune tutti i popoli europei ciascuno con la propria identità, cultura e carattere ma accomunati da questa comune prospettiva di pace e collaborazione e di crescita comune".  
Condividi