Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/migranti-firmato-accordo-tribu-sub-libia-controllo-frontiere-svolta-db12b338-ed4c-4475-a6fb-f8a4beeacf96.html | rainews/live/ | (none)
POLITICA

Emergenza migranti

Accordo firmato a Roma tra tribù del sud della Libia per controllo frontiere: una svolta

"Sigillare la frontiera a Sud della Libia, significa sigillare la frontiera a Sud dell'Europa", spiega il ministro dell'Interno Marco Minniti 

Condividi
Un accordo che punta a mettere sotto controllo i 5mila chilometri di frontiere meridionali della Libia, dove viene fatto passare il flusso dei migranti dell'Africa subsahariana che puntano ad arrivare in Europa attraverso il pericoloso attraversamento del Mar mediterraneo. Questo è quanto è stato firmato venerdì a Roma dai rappresentanti  delle tribù, dopo una maratona negoziale tenuta segreta e durata 72 ore. Lo ha confermato oggi il Viminale. Al tavolo riunito a Roma hanno preso parte una sessantina di capi di clan, compresi i capi della comunità Tebu, quelli della tribù Suleiman e i Tuareg. Era presente anche un rappresentante del governo libico di accordo nazionale, che ha base a Tripoli.

"Sarà operativa una guardia di frontiera libica per sorvegliare i confini a sud della Libia su 5mila chilometri di confine. Mentre a Nord contro gli scafisti sarà operativa la guardia costiera libica, addestrata dalle nostre forze, che dal 30 aprile sarà dotata delle 10 motovedette che stiamo loro finendo di ristrutturare", ha detto al quotidiano 'La Stampa' il ministro dell'Interno, Marco Minniti.

Il Sud libico è un'area desertica che sfugge al controllo di Tripoli. Confine con l'Algeria, il Niger e il Ciad. Dopo la caduta di Muammar Gheddafi, nell'area si è combattuta una guerra tra la comunità Tebu e diverse tribù arabe per il controllo dei traffici transfrontalieri, che comprendono anche migranti, droga e armi. Secondo Minniti, "sigillare la frontiera a Sud della Libia, significa sigillare la frontiera a Sud dell'Europa". Per questo motivo, l'accordo potrebbe segnare una svolta nella politica di contrasto ai traffici di esseri umani.
Condividi