Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/migranti-ultimatum-di-salvini-a-ue-o-ci-aiuta-o-sceglieremo-altre-vie-italia-non-e-un-campo-profughi-0df79abe-9b72-48cb-9e87-1693837db323.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Migranti

Ultimatum di Salvini all'Ue: o ci aiuta o sceglieremo altre vie. Italia non è un campo profughi

ll ministro ricorda che domani si terrà a Lussemburgo il tanto atteso vertice dei ministri dell'Interno Ue. Vertice dove si parlerà anche della revisione degli accordi di Dublino. E ricorda che il nostro Paese voterà 'no' perchè si tratta di modifiche che penalizzerebbero l'Italia. Portavoce Commissione Europea: per riforma puntiamo all'unanimità

Condividi
"Non ci sono bacchette magiche. Ma occorre dare dare un segnale concreto. Occorre buon senso. Quello degli sbarchi e dell'accoglienza di centinaia di migliaia di 'non profughi' non può continuare ad essere un problema solo italiano. O l'Europa ci dà una mano a mettere in sicurezza il nostro Paese, oppure dovremo scegliere altre vie".

Cosi il ministro dell'Interno Matteo Salvini ribadisce anche oggi - sul suo profilo twitter - la linea del governo italiano in materia di immigrazione clandestina. Il ministro dell'Interno- sottolinea - che il fenomeno dei flussi deve essere gestito non solo dal nostro Paese, ma anche dagli altri partner europei. 





Il ministro poi ricorda che domani si terrà a Lussemburgo il tanto atteso vertice dei ministri dell'Interno Ue. Vertice dove si parlerà anche della revisione degli accordi di Dublino, proprio in materia di migranti. E ricorda che il nostro Paese voterà 'no' perchè si tratta di modifiche che penalizzerebbero l'Italia e gli altri Paesi del Mediterraneo. E avverte: l'Italia non può essere trasformata in un immenso campo profughi. Una Portavoce della Commissione europea, Margaritis Schinas, replica: le decisioni possono essere prese con un voto a maggioranza qualificata, poichè è previsto legalmente, ma "la posizione forte della Commissione europea" è che si arrivi alla riforma del Regolamento di Dublino attraverso "un accordo unanime".



Ridurre le partenze - dice ancora Salvini, come ha ribadito ieri nel tour siciliano - significa evitare altri morti, altre stragi in mare. Evitare i viaggi della speranza "è per il loro bene, ma anche "per gli italiani che non ne possono più".

Salvini poi tranquillizza l'ex ministro dell'Interno, Marco Minniti: "ha fatto un buon lavoro, non smonteremo nulla di ciò che di positivo è stato realizzato. Lavorerò per rendere ancora più efficaci le politiche di controllo, di allontanamento e di espulsione". Infine, il neo ministro replica al finanziere George Soros che - dal festival del giornalismo di Trento - ha detto che la Lega è a libro paga di Putin: "Mai preso una lira, un euro, un rublo da Mosca. Mi vergogno del fatto che in Italia venga invitato a parlare uno speculatore senza scrupoli come il signor Soros".

Nessuno ha idea di cancellare leggi su aborto o unioni civili
"Nessuno ha idea di cancellare leggi sull'aborto o sulle unioni civili. Gli italiani, eterosessuali e omosessuali, mi chiedono meno tasse, giustizia più veloce e più sicurezza. Non mi chiedono altro". Lo ha detto il neo ministro dell'Interno e vice presidente del Consiglio, Matteo Salvini intervistato su Rtl 102.5. "I temi sui quali non c'è accordo, per scelta, non li abbiamo messi come attività di governo", ha aggiunto Salvini riferendosi al contratto di governo con il Movimento cinque stelle. "Da qui a negare a chiunque faccia il ministro o il Presidente del Consiglio, dal punto di vista personale, di ritenere che la mamma sia la mamma e il papà sia il papà, il bambino possa essere adottato, come penso io, solo se ci sono una mamma e un papà - ha proseguito - questa è una libertà di pensiero e di parola che prescinde dalla carica".

"Fontana farà il ministro per i disabili: era un impegno che mi ero preso in campagna elettorale, anche se è ovvio che ai disabili non serve e non basta solo un ministero. Occorre che non udenti e non vedenti, genitori di bimbi autistici abbiano risposte più veloci e più efficaci rispetto a quello che è accaduto in passato", ha concluso Salvini. Il neo ministro per la Famiglia, nei giorni scorsi, era finito nell'occhio del ciclone per aver affermato che le "famiglie gay non esistono". 
 
Condividi