Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/mondiali-di-calcio-del-brasile-kramer-non-ricordera-la-vittoria-della-sua-germania-eef00829-7b63-4f65-8999-f97e56eb2a00.html | rainews/live/ | (none)
SPORT

Dopo lo scontro con Ezequiel Garay nel match finale contro l'Argentina

Brasile 2014, il dramma di Christoph Kramer: "Non ricorderà più la vittoria della sua Germania"

Il 23enne centrocampista della Germania campione del mondo uscì alla mezzora della sfida con l'Argentina per un colpo alla testa nell'impatto con Ezequiel Garay. "I medici sono sicuri che i ricordi di quella parte della finale non torneranno", ha detto
in un'intervista a Focus il giocatore del Borussia Moenchengladbach 

Il momento dell''impatto tra Kramer (in mezzo) e Garay (destra) (LaPresse)
Condividi
Berlino (Germania) Ci sono momenti che si definiscono indimenticabili. Per un calciatore, ad esempio, una delle massime aspirazioni è vincere la coppa del Mondo. Una gioia che, purtroppo, non è toccata a uno che campione del mondo lo è per davvero: il 23enne centrocampista della nazionale tedesca Christoph Kramer. Lui di quella sera, di quella meravigliosa sera di Rio de Janeiro quando la sua Germania vinse contro l'Argentina laureandosi per la quarta volta campione del mondo non ricorda nulla. O meglio, non ricorda di avere giocato. Tutto per un terribile scontro fortuito con l'argentino Ezequiel Garay al 19' del primo tempo. Colpito alla testa cade a terra ed è costretto a usciredi lì a pochi minuti.

"I medici sono sicuri che i ricordi di quella parte della finale non torneranno", ha detto in un'intervista lo stesso giocatore del Borussia Moenchengladbach all'edizione tedesca del mensile Focus

L'arbitro della finale, l'italiano Nicola Rizzoli, aveva raccontato dopo la partita di essere andato a vedere come stesse  Kramer e che questi gli aveva chiesto: "Arbitro, è la finale?". "Pensavo scherzasse - ha raccontato Rizzoli - gli ho fatto ripetere la domanda, e lui ha risposto che gli serviva sapere se quella fosse davvero la finale. Allora ho avvisato Schweinsteiger e lo hanno sostituito...". 

Questa è la terribile beffa di Christoph Kramer, campione del mondo a sua insaputa.
Condividi