Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/monterotondo-padre-morto-per-colpo-figlia-torna-liberta-eccesso-legittima-difesa-481df739-9d70-4a76-9897-6d4880afa4eb.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Potrebbe venire chiesta l'archiviazione

Monterotondo, torna libera la giovane che ha colpito il padre: eccesso colposo di legittima difesa

L'uomo è morto dopo una colluttazione: da anni vessava la famiglia. Ma la 19enne, che ha reagito così per difendere sua mamma e la nonna materna, dopo aver colpito il padre gli ha detto 'non mi lasciare, ti voglio bene'

Condividi
Torna libera Deborah Sciacquatori la 19enne che domenica scorsa a Monterotondo, vicino a Roma, ha sferrato un colpo fatale al padre, poi morto, che da tempo vessava la famiglia con violenze e aggressioni. La Procura di Tivoli ha firmato il decreto di remissione in libertà. Deborah era ai domiciliari: l'accusa nei suoi confronti è stata derubricata da omicidio volontario in eccesso colposo di legittima difesa.

Potrebbe presto essere chiesta al gip l'archiviazione del procedimento. "Al momento la ragazza è indagata per eccesso colposo di legittima difesa, ma non è escluso che, nelle prossime due settimane, si possa chiedere al gip l'archiviazione perché la ragazza, allo stato degli atti a nostra conoscenza, ha agito per difendersi". A dirlo il procuratore di Tivoli, Francesco Menditto.



"Papà, non mi lasciare"
"Papa' fermati, non fare più niente", avrebbe detto Deborah a suo padre Lorenzo, ex pugile di 41 anni, nel corso della lite. Ma la 19enne, che ha reagito così per difendere sua mamma e la nonna materna, dopo aver colpito il padre gli ha detto 'non mi lasciare, ti voglio bene'. Queste parole, spiega il procuratore di Tivoli Francesco Menditto, "sono state confermate anche dai testimoni presenti al momento dei fatti". "Deborah - ha aggiunto Menditto - nel corso dell'interrogatorio ha pianto tantissimo". Importante è anche un passaggio dell'interrogatorio di Antonietta, la mamma di Deborah, che ha spiegato ai magistrati di "non aver denunciato nuovamente l'uomo perché aveva il terrore che le autorità le avrebbero tolto la figlia".
Condividi