Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/morta-rita-borsellino-sorella-giudice-antimafia-paolo-0f68836b-8c78-459f-8ac3-1cd87f2b5cdf.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

Palermo

È morta Rita Borsellino, la sorella del giudice antimafia Paolo

Rita Borsellino si è battuta fino alla fine per ottenere la verità sulla strage di via d'Amelio

Rita Borsellino (Ansa)
Condividi
È morta Rita Borsellino, 73 anni, la sorella del giudice Paolo Borsellino, ucciso nella strage di via D'Amelio il 19 luglio 1992. Rita Borsellino era malata da tempo e negli ultimi mesi le sue condizioni erano molto peggiorate; si trovava in terapia intensiva. Oggi pomeriggio il decesso all'ospedale Civico di Palermo. Sarà allestita da domattina nel bene confiscato alla mafia in via Bernini 52, a Palermo, e assegnato dal Comune al Centro Studi "Paolo Borsellino" la Camera ardente per Rita Borsellino. Lo ha concordato con i familiari e con i responsabili del Centro il sindaco Leoluca Orlando, che ha anche disposto la presenza del gonfalone della città.

Da Libera all'impegno politico
Farmacista, Rita Borsellino era la minore dei quattro fratelli. Lo scorso febbraio era venuto a mancare il marito, Renato Fiore. Tre figli, Rita Borsellino si è battuta affinché  si arrivasse alla verità sulla morte del fratello. Nel 2006, dopo dieci anni come vicepresidente di Libera, l'associazione antimafia fondata da don Luigi Ciotti, si è candidata per il centrosinistra – dopo aver vinto le primarie - alla presidenza della Regione siciliana sfidando il governatore uscente; Salvatore Cuffaro fu rieletto, ma Rita Borsellino ottenne oltre il 41% dei consensi. Eletta europarlamentare nelle liste del Pd nel 2009, tre anni dopo si candida alle primarie per sindaco di Palermo ma viene sconfitta d'un soffio da Fabrizio Ferrandelli. Lo scorso 19 luglio, nel ventiseiesimo anniversario della strage di via D'Amelio, spiegò che il modo migliore per portare avanti gli ideali di giustizia del fratello era l'impegno quotidiano di ognuno per ottenere la verità.

Mattarella: "Grande tristezza, riferimento per legalità"
"Ho appreso con grande tristezza la notizia della scomparsa di Rita Borsellino, alla quale mi legavano sentimenti di vera amicizia e di condivisione. Con coraggio e determinazione, ha raccolto l'insegnamento del fratello Paolo, diventando testimone autorevole e autentica dell'antimafia e punto di riferimento per legalità e impegno per migliaia di giovani. Ai suoi familiari esprimo la mia vicinanza e la più grande solidarietà". Così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in una nota.

Maria Falcone: "Figura di grande umanità"
"Con Rita Borsellino scompare una figura di grande umanità e una vera combattente per l'affermazione dei valori della legalità e della democrazia". Lo ha detto Maria Falcone, sorella del magistrato Giovanni, ucciso nella strage di Capaci. "Reagì al grande dolore per la drammatica perdita del fratello Paolo con la determinazione di far continuare a vivere le idee per cui lui aveva lottato fino alla morte - ha aggiunto la presidente della Fondazione Falcone - Oltre all'impegno nelle istituzioni, è stata testimone, in particolare con i più giovani, dell'importanza della memoria nella costruzione di un futuro libero dalle mafie. La ricorderemo sempre con gratitudine e affetto".

Libera: "Ci mancherà la sua passione"
"Ciao Rita è stato bello camminare insieme, grazie per la tua gentilezza, per il tuo coraggio, per la tua voglia di combattere. Ci mancherai molto. Ci mancheranno le tue parole, la tua passione, il tuo impegno civile e politico e la tua sete di vita. E, ricordandoti, cercheremo di essere anche noi, un po' più vivi". Così Libera ricorda Rita Borsellino.

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando: "Grandissimo dolore"
"Grandissimo dolore" viene espresso da Leoluca Orlando che ricorda la sorella del magistrato vittima della mafia nel '92 dicendo che "con la sua dolce determinazione ha combattuto tante battaglie non solo di legalità e civiltà nella nostra Isola e nel nostro Paese". "Rita - prosegue il sindaco di Palermo - ha saputo trasformare la tragedia e la violenza che hanno colpito la sua famiglia in impegno civile; un impegno che ha contribuito a trasformare Palermo e che rimarrà scolpito nella storia e nella memoria di questa città. In questo momento triste sono vicino alla sua straordinaria famiglia, cui va un caloroso abbraccio".

Musumeci: "Con Rita Borsellino scompare figura simbolo impegno antimafia"
"Con Rita Borsellino scompare una figura simbolo di testimonianza antimafia e di impegno della società civile. Nonostante il dolore familiare e la sua lunga malattia, con coraggio e determinazione non hai mai smesso di lottare e sperare per la verità sulla strage di via D'Amelio. Giunga ai familiari il sincero cordoglio del governo regionale, interprete del sentimento di tutta la comunità siciliana". Lo dichiara in una nota il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci.
Condividi