ITALIA

Fine vita

Morte assistita in Svizzera per Loris Bertocco, storico esponente dei Verdi nel Veneto

Su la Repubblica un memoriale spiega la scelta e rende note le vicissitudini

Condividi
Paralizzato da 40 anni, si è recato in una clinica Svizzera ed è stato accompagnato alla morte. Prima ha scritto un lungo memoriale inviato a la Repubblica. Ha scelto, Loris Bertocco, di morire dopo "lunghissima riflessione". Era stato uno storico esponente dei Verdi della sua regione, il Veneto. Oggi l'ecologista Gianfranco Mascia lo ricorda sul sito della Federazione dei Verdi in un articolo intitolato "Ciao Loris".

Bertocco era nato a Dolo, comune tra Padova e Mestre, aveva 59 anni e da quaranta - dopo un incidente - era rimasto completamente paralizzato. Nel memoriale scrive che crede di aver fatto la scelta giusta "prima di trovarmi a vivere come un vegetale".

Il tema che solleva nella lettera Bertocco è in pratica, oltre a quello dei diritti civili, quello del sostegno necessario alle persone nelle sue condizioni. Un sostegno anche di tipo economico; chiede di "alzare la soglia massima relativa all'Impegnativa di cura domiciliare e fisica oggi fissata a mille euro".

Bertocco, lancia infine un appello in favore di una legge sul "testamento biologico" e sul "fine vita". La conclusione del messaggio è "porto l'amore che ho ricevuto" e spero di aiutare le tante persone che vivono lo stesso mio calvario.

Condividi