Tutte le notizie di Rai News - ultime notizie in tempo reale - home page, logo rai news Torna su
SPETTACOLO

La scomparsa

"Ciao Uagliò", l'Italia ricorda Pino Daniele. Polemica per i funerali a Roma

Pino Daniele è stato stroncato da un arresto cardiaco, nella sua tenuta di campagna in Toscana. Inutile la corsa in ospedale verso Roma. Avrebbe compiuto 60 anni il prossimo 19 marzo, "la voce". di Napoli. Mercoledì i funerali nella capitale, poi il ricordo di Napoli e la sepoltura a Talamone

Pino Daniele (Ansa)
Condividi
Roma

"Ciao uagliò". Commozione in tutto il Paese per la scomparsa di Pino Daniele. Il cantautore napoletano "nero a metà" e col cuore blues ci lascia a 59 anni. Colpito nella notte da un malore improvviso - un arresto cardiaco - nella sua casa di campagna in Toscana, in Maremma. Inutile la corsa in auto in ospedale, al Sant'Eugenio di Roma.

Alle 21.15 di ieri sera la chiamata per l'ambulanza, dalla tenuta di Pereta, Marigliano e Magliano in provincia di Grosseto. I soccorsi del 118 lo hanno raggiunto nel giro di 10 minuti. Il medico chiede di accendere le luci di casa per individuare meglio l'abitazione, ma - come riferisce la Asl di Grosseto - dal casale "hanno risposto che non c'era più bisogno perché il paziente aveva preferito partire verso Roma per recarsi da un medico di fiducia, con un mezzo proprio. Così, comincia la corsa verso l'Ospedale Sant'Eugenio a Roma, dove però Pino Daniele è arrivato in condizioni gravissime. Il Mattino di Napoli racconta di una fatalità: "L'auto che trasportava il cantautore avrebbe forato una ruota" ritardando l'arrivo al Sant'Euguenio. 
E' Eros Ramazzotti a dare, esprimendo commozione, la notizia della morte di Pino sui social network. Per tutta la giornata, si rincorrono messaggi di cordoglio, ricordi affettuosi. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano gli riconosce "un contributo originale alla tradizione di Napoli". Tra tutti, molto significativo un Tweet del dj Claudio Coccoluto: una foto di Pino Daniele con il suo "amico magico" Massimo Troisi e la frase: "Mi piace pensare che avessi un appuntamento importantissimo per andare così di fretta".




I funerali mercoledì a Roma, la sepoltura a Talamone, l'omaggio di Napoli
I funerali del cantautore si svolgeranno mercoledì mattina alle 12 al Santuario del Divino Amore a Roma. Poi il cantante dovrebbe essere sepolto nel cimitero di Talamone, nel comune di Orbetello (Grosseto). La decisione di tenere le esequie a Roma e non ha Napoli ha suscitato qualche polemica. Dichiara uno dei portavoce dell'artista: "E' volontà di tutta la famiglia che Napoli e possa dare un ultimo saluto a Pino. Per questo la città di Napoli si è subito resa disponibile ad ospitare nei prossimi giorni le ceneri dell’artista in un suo luogo simbolo, per ricevere l’ultimo abbraccio dei suoi concittadini". Nel capoluogo campano è già annunciato un flash mob, come uno dei tanti momenti che la città organizzerà per ricordare "la sua voce"


I tentativi di rianimazione
"Quando Pino Daniele è arrivato nel nostro ospedale la situazione era talmente grave che subito è stato sottoposto a rianimazione cardiorespiratoria, purtroppo però dopo pochi minuti si è constatato il decesso". Lo ha detto a Rainews Carlo Saitto, direttore generale Asl Roma Sant'Eugenio. "La cosa è stata veramente molto rapida - ha aggiunto - e quando è arrivato la situazione era già molto grave e non c'era nulla che si potesse fare, purtroppo. Non posso nemmeno dire quale sia stata la ragione di questa situazione critica. Sulle condizioni precedenti anche quando le avessi non sono informazioni che posso dare". Saitto ha precisato che il decesso "si è verificato alle 22.45". 

La notizia nella notte
Il primo a dare la tragica notizia sul web è stato l'amico e collega Eros Ramazzotti che, postando una foto del cantante sorridente, ha scritto: "Anche Pino ci ha lasciato. Grande amico mio, ti voglio ricordare con il sorriso mentre io, scrivendo, sto piangendo. Ti vorrò sempre bene perché eri un puro e una persona vera oltre che un grandissimo artista. Grazie per tutto quello che mi hai dato fratellone, sarai sempre accanto al mio cuore. Ciao Pinuzzo". Dopo il concerto-evento del primo settembre, Pino Daniele era tornato in tour a dicembre con il live "Nero a metà": l'11 a Bari, il 13 a Roma, il 16 e il 17 a Napoli, il 22 a Milano. Ad accompagnarlo c'era la band originale del 1980. Il 30 dicembre la straordinaria carriera di Pino Daniele era stata omaggiata da una puntata monografica di "Canzone" su Rai1. Commuove l'ultimo tweet, che rilancia un post di Facebook, sul profilo ufficiale di Pino Daniele. Risale a tre giorni fa. Il testo è "Back home...In viaggio per casa", con la foto in bianco e nero della strada.





De Magistris: "La sua musica è eterna"
"Pino Daniele è morto, ma la sua musica è eterna. Pino è Napoli, legame infinito e indistruttibile, come il suono e la voce della sua musica". E' quanto scrive su Twitter il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in merito alla morte di Pino Daniele. E nel giorno dei funerali a Napoli sarà proclamato il lutto cittadino. Sul luogo dei funerali è poi nata una polemica lanciata da alcuni fan dell'artista. 

Il cordoglio del Capo dello Stato
"Ho appreso con dolorosa sorpresa la notizia della scomparsa di Pino Daniele, cantautore che ha saputo dare un originale contributo alla tradizione musicale della sua città. Ai figli e alle persone che gli hanno voluto bene e al mondo della musica, esprimo le mie più sincere condoglianze". E' il messaggio che il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha inviato ai familiari dell'artista.L'addio di

Renzi: "Una voce incredibile"
"Ho ancora nelle orecchie la sua musica a Capodanno. Una voce incredibile, quella non solo di Napoli e del Sud, ma di tutta l'Italia, una chitarra preziosa, una sensibilità rara che, con passione e malinconia, continuerà a raccontare in tutto il mondo il nostro Paese". Così il presidente del Consiglio Matteo Renzi, dopo aver appreso la notizia della morte del cantante.

Caldoro: una delle migliori voci di Napoli
"Napoli perde una delle sue migliori voci". Così il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro ricorda su twitter Pino Daniele. "Un artista internazionale - aggiunge Caldoro - che ha raccontato e valorizzato la sua terra".

Il ricordo del cardinale Sepe
"Era un grande artista, un figlio c'è ha onorato Napoli". Lo ha detto il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo metropolita di Napoli. "Nel mio libro e in qualche omelia - ha affermato - ho citato il suo verso 'Napoli è una carta sporca'". "Credo che sia questa - ha concluso - tra le sue canzoni quella che mi piace di piu'".

L'omaggio del Napoli calcio
Il Napoli "si unisce al dolore della città e di tutto il panorama artistico mondiale per la scomparsa di Pino Daniele": è il cordoglio espresso dal club partenopeo sul suo sito, dopo che il presidente De Laurentiis ha annunciato che il cantante scomparso questa notte sarà ricordato al San Paolo domenica, nel prossimo turno di campionato interno.

Arbore: "Un vero innovatore"
"Con Pino se ne va il vero innovatore della canzone napoletana d'autore. Un musicista rivoluzionario nelle tessiture armoniche delle sue composizioni, il poeta di una Napoli che lui voleva rinnovare. Un erede forse inconsapevole dei grandi poeti e compositori napoletani". Questo il commento di Renzo Arbore.

Condividi