TECH

Dopo la decisione di ieri negli Usa

Net neutrality, Nicita di Agcom: a rischio anche in Europa

Per il segretario Pd Renzi mettere in discussione il principio della neutralità della rete è ingiusto

Condividi
Dopo la decisione presa ieri negli Usa dalla Federal Communications Commission (Fcc), riguardo la net neutrality, in tanti si chiedono cosa possa cambiare in Europa ed in Italia.

Sul tema interviene anche il segretario del Partito democratico, Matteo Renzi, con un commento su Twitter che segnala un articolo scritto oggi sulla rivista del PD 'Democratica' dal titolo "Trump cancella la Net neutrality, a rischio la libertà e la parità di accesso su Internet". 

Per Renzi aveva ragione Obama e mettere in discussione il principio della neutralità della rete è ingiusto.



Il parere del commissario Agcom Nicita
L'abolizione della net neutrality negli Stati Uniti "non è la fine di Internet" ma certo rischia di riaprire il dibattito in Europa sull'opportunità di mantenerla visto che "siamo rimasti solo noi". Lo spiega ad AGI il commissario di AgCom, Antonio Nicita, all'indomani della decisione della Commissione federale delle telecomunicazioni americana (Fcc) di ribaltare il principio sancito nel 2015 per cui i fornitori della connettività (gli Internet service providers, Isp) non possono discriminare il traffico in rete privilegiando, per esempio, chi paga di più.

"Per noi non cambia nulla - chiarisce Nicita - nell'Europa dei 27, ma anche il Regno Unito ha aderito, vige un regolamento, approvato dal Parlamento nel 2015 che è poi stato ulteriormente definito dalle linee guida approvate alla fine del 2016 dal board che riunisce tutte le 'autorità' europee".

Il principio fondamentale, dice Nicita, "stabilisce che gli operatori non possono in alcun modo discriminare il traffico se non su servizi speciali, come la salute e le auto che si guidano da sole, che arriveranno in futuro e che hanno bisogno di una altissima connettività".

A un anno di distanza è appena stato pubblicato il primo Rapporto che racconta come stanno andando le cose. Due gli interventi principali: sul primo, dice Nicita, ovvero la creazione di uno strumento condiviso che consenta di misurare non solo l'effettiva banda ricevuta da ciascun utente, ma anche le eventuali discriminazioni, siamo ancora indietro e sarà pronto nel corso del 2018. "Siamo stati più attivi invece sul tema 'zero rating' ovvero il divieto di offrire connettività gratuita per accedere a certi servizi. Vuol dire che non possono essere fatte offerte per navigare gratis su social o altre piattaforme di distribuzione di video o musica se hai esaurito il traffico comprato; inoltre l'Isp non può indicare solo un certo servizio ma spetta al cliente scegliere tra Facebook o Netflix e un loro competitor, per fare un esempio".

Dice Nicita che nel 2017 ci sono state offerte di questo tipo in Italia e sono state bloccate.

La decisione della Commissione americana non sarà però senza conseguenze, secondo Nicita. "Abolire la net neutrality può avere un impatto negativo sull'innovazione se gli Isp privilegiano nel traffico solo le app con cui firmano contratti. Inoltre negli Stati Uniti c'è
un tema di antitrust che in Europa non c'è, visto che due solo operatori, At&T e Verizon, hanno il 70 per cento della quota di mercato, e quindi teoricamente la decisione della Fcc può essere affrontata anche tramite un caso di antitrust".

Infine c'è il tema di che accadrà in Europa. Qualche giorno fa Tim Berners Lee, il creatore del world wide web, ha scritto che in questo modo gli Stati Uniti perdono il ruolo di 'chief innovation officer' del mondo. "Ha ragione", commenta Nicita, "ma adesso la partita si sposta in Europa, tenendo presente che anche da noi c'era molta resistenza sul tema e che il regolamento venne adottato solo dopo la decisione americana del 2015. Ora che gli Stati Uniti tornano indietro, c'è il rischio che gli avversari della net neutrality tornino alla carica formulando l'argomento che in questo momento sulla net neutrality siamo rimasti solo noi europei".
Condividi