Rai News
MONDO

Fonti di polizia: bilancio destinato a salire

Nigeria, attacco kamikaze in una moschea: almeno 14 morti

Al momento nessun gruppo ha rivendicato l'attacco, ma il gruppo terroristico Boko Haram opera da anni nella regione. L'attentato arriva a meno di 24 ore dalla rivendicazione da parte del leader di Boko Haram, Abubakar Shekau, di una serie di atti terroristici compiuti in Nigeria nord orientale e orientale

Un attacco kamikaze in una moschea al confine tra la Nigeria e il Camerun ha causato la morte di 14 fedeli. Il presunto jihadista di Boko Haram si è fatto esplodere dentro la moschea di Gamboru poco prima della preghiera del mattino.

"Quattordici corpi sono stati estratti dalle macerie - ha spiegato Umar Kachalla, componente della milizia civile aggiungendo che la moschea è stata completamente distrutta dall'esplosione - Soltanto il muezzin è sopravvissuto e pensiamo ci siano altri corpi sotto i detriti. Il bilancio delle vittime potrebbe crescere".

Un'ora prima dell'attentato una pattuglia di vigilantes aveva individuato quattro presunti kamikaze alla periferia della città e ne aveva arrestato uno, due erano riusciti a fuggire e il quarto potrebbe essere il jihadista che si è fatto esplodere. Al momento nessun gruppo ha rivendicato l'attacco, ma il gruppo terroristico Boko Haram opera da anni nella regione. L'attentato arriva a meno di 24 ore dalla rivendicazione da parte del leader di Boko Haram, Abubakar Shekau, di una serie di atti terroristici compiuti in Nigeria nord orientale e orientale.