Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/norman-atlantic-soccorritori-morti-albania-92bc064a-f6e1-47e4-9f81-0f2ed1e148e3.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Dopo il naufragio

Norman Atlantic, oltre alle 10 vittime ora 2 morti anche tra soccorritori. Relitto diretto a Valona

Le operazioni di trasporto dei naufraghi complicate dal maltempo in Puglia. La San Giorgio è attesa a Brindisi con 180 sopravvissuti al rogo

Condividi
Due marinai di un rimorchiatore albanese Illiria sono morti durante le manovre per l'aggancio del traghetto Norman Atlantic, al largo di Valona: lo hanno confermato fonti del ministero albanese della Difesa. I due sono stati colpiti da un cavo che si è spezzato durante le manovre di aggancio.
E intanto, il relitto è attualmente rimorchiato proprio da un mezzo navale albanese verso Valona. Al seguito del traghetto ci sono anche i rimorchiatori italiani della famiglia brindisina Barretta. Quest'ultima è stata delegata dalla Procura di Bari, in qualità di ausiliario di polizia giudiziaria, di eseguire il sequestro della nave e di occuparsi della custodia giudiziale della imbarcazione. Il custode nominato sarebbe Francesco Barretta.

Trasbordo difficile dei naufraghi per il maltempo
Intanto, la nave San Giorgio, dove sono stati messi in salvo circa 180 naufraghi del Norman Atlantic, si trova ancora nelle vicinanze del traghetto in avaria e quindi slitta il suo arrivo nel porto di Brindisi che era previsto in mattinata. E slitta al momento anche l'arrivo di 39 naufraghi al porto di Manfredonia, in provincia di Foggia. Il forte vento e il mare grosso stanno rendendo complicate le operazioni di sbarco. Secondo quanto si è appreso, i naufraghi sono a bordo del mercantile "Aby Jeannette" di bandiera maltese, al largo di Margherita di Savoia (Barletta Andria Trani), e dovrebbero essere trasportati con motovedette della Guardia costiera. Sul mercantile ci sono anche due persone con ferite lievi, gli altri sarebbero tutti in buone condizioni.
Continuano intanto le operazioni di ricerca di eventuali dispersi nella zona dove è terminato il recupero di passeggeri ed equipaggio. Lo rende noto la Marina militare sottolineando che, al termine delle operazioni, le navi San Giorgio e Durand de la Penne raggiungeranno il porto di Brindisi.

Gli sviluppi dell'inchiesta
La competenza territoriale per le indagini sull'incendio del traghetto è della Procura di Bari. E' quanto si apprende a Brindisi da fonti investigative. La Procura di Brindisi che aveva avviato un fascicolo per naufragio colposo e omicidio colposo sta ora procedendo in supporto ai magistrati del capoluogo barese con l'attività d'indagine.
 
Condividi