Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/novartis-con-google-per-sviluppo-lente-a-contatto-intelligente-450a5cc8-e221-4d26-b6a5-dc95751536f9.html | rainews/live/ | (none)
TECH

La divisione Alcon nel team per lo sviluppo tecnologico

Accordo Google-Novartis per lenti a contatto smart

Due colossi, della farmaceutica e della tecnologia, lavoreranno insieme per sviluppare le lenti a contatto 'intelligenti' di Google, il cui prototipo è stato presentato sei mesi fa. Le lenti potranno misurare il glucosio nei diabetici e ripistinare la messa a fuoco nei presbiti. Un potenziale mercato di milioni di persone

Il prototipo della lente a contatto di Google
Condividi
di Celia GuimaraesZurigo L'azienda farmaceutica svizzera Novartis ha annunciato che sarà in tandem con il gigante della tecnologia Google per sviluppare una lente a contatto 'intelligente'' che potrebbe migliorare la visione compromessa da alcune malattie degli occhi e anche aiutare i diabetici a controllare la glicemia. 
 
Glucosio in tempo reale
I termini dell'accordo tra le società, confermati in una nota di Novartis, non sono stati specificati nei dettagli ma la casa farmaceutica ha reso noto che la sua divisione ottica Alcon lavorerà con un team di Google per sviluppare una lente a contatto dotata di microchip ed elettronica miniaturizzata. L'obiettivo è di sviluppare una lente 'smart' che possa fornire una misurazione continua dei livelli di glucosio nei pazienti diabetici, attraverso la misurazione del fluido lacrimale. 

Presbiopia addio? 
La lente potrebbe inoltre contribuire a ripristinare la messa a fuoco automatica naturale dell'occhio su oggetti vicini per i pazienti affetti da presbiopia, che non sono in grado di leggere senza occhiali. La presbiopia, tipica malattia dell'età, incide sulla capacità di messa a fuoco dell'occhio. 
 
"Questo per noi è un passo fondamentale per andare oltre i confini della tradizionale gestione delle malattie, a cominciare dagli occhii,'', ha dichiarato il Ceo di Novartis, Joseph Jimenez.

Risultati in cinque anni
​Le lenti smart utilizzano un microscopico sensore di glucosio e un trasmettitore wireless. Presentate nel gennaio scorso, per ora sono un prototipo e ci vorrano almeno cinque anni prima che arrivino a essere un prodotto commercializzabile. Vengono sviluppate nella famosa quanto segreta divisione Google X, dove sono nati i Glass e tutti i progetti di robotica e intelligenza artificiale di Mountain View.      

Numeri
Si spera che le lenti a contatto siano in grado di aiutare i 382 milioni di diabetici nel mondo, che hanno bisogno di mantenere sotto stretto controllo il livello di zucchero nel sangue.

Studi di settore stimano che circa il 50% della popolazione dei Paesi sviluppati è presbite. Supponendo che le lenti a contatto possano essere utilizzate in tutte le fasce di età, il 50% delle applicazioni potrebbe essere effettuato a pazienti presbiti.
Condividi