POLITICA

"Ha caratteri fortemente innovativi. Sicuramente rispetteremo 3 marzo"

Nuovo stadio della Roma, il vicesindaco: "C'è la revisione del progetto"

Condividi
 "Vorrei ringraziare la Roma per aver risposto alle sollecitazioni dell'amministrazione capitolina nella riunione della scorsa settimana presentandoci oggi una revisione del progetto che ha dei caratteri fortemente innovativi. I tavoli tecnici sono ancora al lavoro, faremo una valutazione di questa importante novità e ci siamo dati appuntamento alla prossima settimana. Se rispetteremo i tempi del 3 marzo? È ovvio". Così Luca Bergamo vicesindaco di Roma al termine dell'incontro di oggi sullo stadio della Roma.

Passi avanti dopo incontro, 55% area sarà verde
Servirà ancora un nuovo incontro tra le parti, in programma la prossima settimana, ma la sensazione è che oggi sia stato fatto un ulteriore passo in avanti sulla percorso che porta al via libera alla realizzazione dello
stadio di proprietà della Roma. Al temine della riunione in Campidoglio tra i rappresentanti della giunta, della maggioranza M5S, del club giallorosso e della società Eurnova volti distesi e dichiarazioni rassicuranti: la trattativa tra le parti va avanti e si punta ad un accordo entro il 3 marzo, data in cui si svolgerà l'ultima riunione della conferenza dei servizi chiamata a dare il permesso a costruire all'opera.

Oggi, a quanto si apprende, si sarebbe discusso sopratutto delle migliorie che il club intende apportare in termini di bioedilizia e certificazioni green per il parco pubblico, che occuperebbe il 55% del progetto. Mentre resterebbero ancora da definire due aspetti: la percentuale di taglio delle cubature del business park - si ragiona fino ad un massimo del 20% - e lo strumento amministrativo da utilizzare, se cioè varare una nuova delibera che modifichi il piano regolatore o scegliere di dare, tramite un parere legale, valore urbanistico a quella votata a dicembre 2014 che riconosce la pubblica utilità al progetto.

Il Campidoglio aveva consegnato alla Regione il proprio parere non favorevole lo scorso 2 febbraio indicando alcune criticità del progetto dello stadio, ma anche elencando le condizioni per arrivare in seguito ad un parere favorevole.
Condividi