ITALIA

Trionfa astensionismo

Ostia, al ballottaggio M5S e Centrodestra. Crolla il Pd. Boom dell'astensione

Il Presidente di Fratelli d'Italia: "Tra due settimane si vince al ballottaggio" Ferrara: "Abbiamo raddoppiato voti dalle comunali del 2013, grazie 'effetto Raggi' "

Condividi
Alla fine il Movimento a Stelle a Ostia non ha trionfato e nel X Municipio di Roma ci sarà il ballottaggio (fissato per il prossimo 19 novembre) tra la grillina Giuliana di Pillo e Monica Picca del centrodedestra. La prima ha raggiunto il 30,21% non riuscendo a spuntare l'elezione al primo turno. A contenderle la poltrona da minisindaco ci sarà Monica Picca, che ha avuto il 26,68%. Terzo Athos De Luca (Pd), con il 13,61%, seguito da Luca Marsella, il candidato di Casapound, che raggiunge un risultato record: 9,08%.

Il prete don Franco De Donno, candidato di Laboratorio Civico X sostenuto (senza simboli) da parte della Sinistra, arriva all'8,61%, mentre il civico Andrea Bozzi prende il 5,54%, Eugenio Bellomo (Sinistra unita per Bellomo presidente) si ferma al 3,61%, Giovanni Fiori del Popolo della Famiglia prende l'1,34% e Marco Lombardi (Lista civica Noi del X Municipio) l'1,34%.

Ma a vincere davvero sul litorale è stato l'astensionismo. L'affluenza finale è del 36,15%, ben 20 punti percentuali in meno del primo turno delle comunali del 2016 quando la partecipazione era stata del 56,11%. Hanno votato 67.125 persone su 185.661 aventi diritto, a fronte di 231 mila residenti nel territorio: in pratica quasi 2 elettori su tre sono rimasti a casa.

Meloni: M5S tracolla e Pd non pervenuto
''Il centrodestra guidato da Fratelli d'Italia porta Monica Picca al ballottaggio a Ostia, municipio X di Roma". Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni. "Il M5S tracolla sotto il peso dell'incompetenza della Raggi perdendo quasi 15 punti percentuali di consenso. Pd non pervenuto. Tra due settimane si vince al ballottaggio'', aggiunge la Meloni.


Ferrara (M5S): voti raddoppiati rispetto a comunali del 2013, è effetto Raggi
"Nel X Municipio rispetto alle elezioni municipali del 2013 i voti del M5S sono raddoppiati. E' evidente il successo dell''effetto Raggi'. Il MoVimento si conferma la prima forza politica e prende più voti di tutti DA SOLO. Gli altri come al solito si sono coalizzati in un'ammucchiata di partiti. Siamo gli unici in grado di arginare gli estremismi, gli unici ad avere un reale consenso e soprattutto gli unici con un programma serio che guarda agli interessi della collettività". Così Paolo Ferrara, capogruppo del M5s in Campidoglio.

Lorenzin: soddisfatta lavoro a Ostia
Sono molto soddisfatta per il risultato delle Liste per l'autonomia del territorio guidate da Andrea Bozzi". Lo dice Beatrice Lorenzin in merito all'esito del voto per il X municipio di Roma, a Ostia. "Questo esperimento, in solo un mese dalla sua nascita, ha preso il 5,5% facendo un risultato come quello di partiti storici a livello nazionale - spiega la ministra della Salute -. Un vero e proprio risultato inatteso che, nonostante la bassa affluenza al voto, ci rende orgogliosi perché ottenuto grazie al supporto di cittadini che credono e vogliono impegnarsi per realizzare un progetto di rinascita del territorio''.

Fassina: a Ostia giornata triste
"Complimenti a Franco De Donno e Laboratorio Civico X: un risultato importante dal quale ripartire in una giornata triste, nella quale si è registrato un drammatico astensionismo, dovuto a ragioni politiche di fondo, non alla pioggia. E poi una agghiacciante affermazione di Casapound, sebbene la percentuale sia gonfiata dalla scarsa partecipazione al voto". Così su facebook Stefano Fassina, consigliere di Sinistra per Roma.


"Il crollo del M5S, dopo il trionfo al primo turno delle elezioni comunali, misura la delusione verso l'amministrazione del Campidoglio, mentre la destra coalizzata arranca. Il Pd, come in Sicilia, è fuori gioco. - continua Fassina - Come sinistra e forze civiche democratiche abbiamo un enorme lavoro da fare a partire dalle realtà di maggiore sofferenza economica e sociale che, da noi abbandonate da lungo tempo, hanno disertato le urne o si sono affidate a presenze inquietanti".

Casapound: vittoria senza precedenti, saremo in Parlamento
"A Ostia abbiamo ottenuto una vittoria senza precedenti che ci proietta diritti in Parlamento". Così il vicepresidente di CasaPound Italia Simone Di Stefano commenta il risultato del movimento alle elezioni nel X Municipio di Roma, dove, sottolinea, "Cpi con Luca Marsella ha superato il 9% delle preferenze, piazzandosi quarta forza in campo dopo M5s, Centrodestra e Pd, e arrivando a toccare punte anche del 20% nei quartieri popolari, da tempo abbandonati dalla politica di tutti gli schieramenti". "Il risultato di oggi non è inaspettato - aggiunge Di Stefano -. Arriva dopo il 7% preso a Bolzano e Lucca, dove ci siamo piazzati anche sopra il M5s, il 5% preso a Todi, gli 11 consiglieri comunali eletti in tutta Italia".


 
Condividi