Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/papa-evitare-accanimento-terapeutico-non-e-affatto-eutanasia-4d7e468a-2349-49e6-806e-9ae5d8745e50.html | rainews/live/ | true
MONDO

Messaggio al meeting della World Medical Association

Papa: evitare accanimento terapeutico non è eutanasia

"Oggi - scrive Jorge Mario Bergoglio - è anche possibile protrarre la vita in condizioni che in passato non si potevano neanche immaginare. Gli interventi sul corpo umano diventano sempre più efficaci, ma non sempre sono risolutivi"

Condividi
"Non attivare mezzi sproporzionati o sospenderne l'uso, equivale a evitare l'accanimento terapeutico, cioè compiere un'azione che ha un significato etico completamente diverso dall'eutanasia, che rimane sempre illecita, in quanto si propone di interrompere la vita, procurando la morte": lo afferma il Papa in un messaggio inviato al Meeting Regionale Europeo della World Medical Association sulle questioni del cosiddetto "fine-vita", organizzato presso l'Aula Vecchia del Sinodo in Vaticano il 16 e 17 novembre 2017.

"Oggi - scrive Jorge Mario Bergoglio - è anche possibile protrarre la vita in condizioni che in passato non si potevano neanche immaginare. Gli interventi sul corpo umano diventano sempre più efficaci, ma non sempre sono risolutivi: possono sostenere funzioni biologiche divenute insufficienti, o addirittura sostituirle, ma questo non equivale a promuovere la salute. Occorre quindi un supplemento di saggezza, perché oggi è più insidiosa la tentazione di insistere con trattamenti che producono potenti effetti sul corpo, ma talora non giovano al bene integrale della persona".
Condividi