Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/papa-pensiamo-introdurre-catechismo-peccati-ecologici-398e8be8-2a0c-4b5a-91da-e0fdf442bdfa.html | rainews/live/ | true
ITALIA

"Punire le corporazioni responsabili di ecocidi"

Il Papa ai penalisti: "Pensiamo di introdurre nel catechismo il peccato ecologico"

Udienza coi partecipanti al XX Congresso mondiale dell'Associazione internazionale di diritto penale: "Allarme su emblemi e azioni tipiche del nazismo"

Condividi
"Un elementare senso della giustizia imporrebbe che alcune condotte, di cui solitamente si rendono responsabili le corporazioni, non rimangano impunite. In particolare, tutte quelle che possono essere considerate come 'ecocidio'", ha detto il Papa parlando ai penalisti dei delitti contro l'ambiente e ricordando anche come la chiesa, nel sinodo sull'Amazzonia, abbia trattato la questione dei peccati ecologici. "Stiamo pensando di introdurre nel catechismo della Chiesa cattolica - ha annunciato - il peccato ecologico, il peccato contro la casa comune".

Tornando all'ecocidio, per il pontefice siamo di fronte a "crimini contro la pace", che dovrebbero essere riconosciuti come tali dalla comunità internazionale. "in questa circostanza, e per vostro tramite, vorrei fare appello a tutti i leader e referenti nel settore - ha aggiunto il papa - perché contribuiscano con i loro sforzi ad assicurare un'adeguata tutela giuridica della nostra casa comune". 


Allarme su emblemi e azioni tipiche del nazismo
"Si riscontrano episodi purtroppo non isolati, certamente bisognosi di un'analisi complessa, nei quali trovano sfogo i disagi sociali sia dei giovani sia degli adulti. - denuncia il Papa -. Non è un caso che a volte ricompaiano emblemi e azioni tipiche del nazismo, che, con le sue persecuzioni contro gli ebrei, gli zingari, le persone di orientamento omosessuale, rappresenta il modello negativo per
eccellenza di cultura dello scarto e dell'odio". Da qui l'appello: "Occorre vigilare, sia nell'ambito civile sia in quello ecclesiale, per evitare ogni possibile compromesso - che si presuppone involontario - con queste degenerazioni".


"La finanza globale è all'origine di gravi delitti"
​"Il capitale finanziario globale è all’origine di gravi delitti non solo contro la proprietà ma anche contro le persone e l’ambiente. Si tratta di criminalità organizzata responsabile, tra l’altro, del sovra-indebitamento degli Stati e del saccheggio delle risorse naturali del nostro pianeta", ha detto Papa Francesco.

"Legittima difesa non degeneri in incentivo a violenza"
"In diversi Paesi sono state attuate riforme dell’istituto della legittima difesa e si è preteso di giustificare crimini commessi da agenti delle forze di sicurezza come forme legittime del compimento del dovere. È importante che la comunità giuridica difenda i criteri tradizionali per evitare che la demagogia punitiva degeneri in incentivo alla violenza o in sproporzionato uso della forza. Sono condotte inammissibili in uno Stato di diritto e, in genere, accompagnano i pregiudizi razzisti e il disprezzo verso le fasce sociali di emarginazione".

"Far giustizia alla vittima, non giustiziare l'aggressore"
"In ogni delitto c’è una parte lesa e ci sono due legami danneggiati: quello del responsabile del fatto con la sua vittima e quello dello stesso con la società. Ho segnalato che tra la pena e il delitto esiste una asimmetria e che il compimento di un male non giustifica l’imposizione di un altro male come risposta. Si tratta di fare giustizia alla vittima, non di giustiziare l’aggressore". Così Papa Francesco durante l'udienza coi partecipanti al XX Congresso mondiale dell'Associazione internazionale di diritto penale.
Condividi