ITALIA

A Taranto. Si cerca aggressore. La donna era al pronto soccorso

Paziente aggredita in ospedale, morte cerebrale

Condividi
Una donna è stata aggredita e colpita alla testa all'interno dell'ospedale Santissima Annunziata di Taranto con un oggetto contundente da un uomo che è poi fuggito. I medici hanno dichiarato la morte cerebrale della vittima, mentre il periodo di osservazione - secondo quanto riferito dall'Asl - scade alle 15.

L'aggressione sarebbe avvenuta nella serata di ieri quando la donna - sulla settantina - si trovava in uno degli ambienti del pronto soccorso, pare su una barella, e attendeva di essere visitata.

Sulla vicenda vige uno stretto riserbo da parte della polizia. Alcuni testimoni avrebbero visto aggirarsi anche un uomo particolarmente agitato, che si sarebbe scagliato contro la donna. Al vaglio degli inquirenti, che hanno visionato le immagini delle telecamere di sorveglianza del nosocomio, c'è la posizione di un uomo che attualmente risulta irreperibile.  

I poliziotti sono alla ricerca di un uomo di circa 40 anni con capelli lunghi e ricci, che sarebbe stato notato da alcuni testimoni: sarebbe stato lui a colpire ieri sera con violenza alla testa, probabilmente con un punteruolo, la 73enne stesa su una barella in attesa di essere visitata. La donna, che aveva accusato un malore, era stata accompagna ieri sera al pronto soccorso dalla figlia e da una badante, mentre l'aggressione sarebbe avvenuta alcune ore più tardi. Non è chiaro se l'omicida conoscesse la donna oppure se si sia trattato del gesto di uno squilibrato. 
Condividi