Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/peste-suina-sequestrate-9-tonnellate-carne-dalla-cina-83785a50-41d4-4f9b-b134-4ed3e4b5fa8d.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Bloccata l'attività commerciale

Padova, sequestrate 9.4 tonnellate di carne di maiale dalla Cina: rischio peste suina

Erano state importate in violazione delle norme doganali e sanitarie

Condividi

Quasi 9,5 tonnellate di carne di maiale, importati nell'Ue dalla Cina in violazione delle norme doganali e sanitarie, sono state sequestrate dalla guardia di finanza di Padova, per il pericolo di contaminazione della peste suina africana. L'operazione è stata condotta in collaborazione col servizio veterinario e del Sian dell'Ulss 6 del Veneto. I finanzieri hanno sequestrato, per gravi e reiterate irregolarità, l'attività commerciale dov'è stata trovata la carne.

Coldiretti: frontiere Ue sono un colabrodo

"Serve dare immediatamente il via libera all'obbligo dell'etichettatura d'origine sui derivati della carne suina per garantire la trasparenza e la rintracciabilità di fronte agli allarmi sanitari che si moltiplicano con la globalizzazione degli scambi". E' quanto afferma la Coldiretti nel commentare positivamente il maxi sequestro della guardia di Finanza di Padova con la collaborazione dell'Asl di 10 tonnellate di carni suine provenienti dalla Cina, attraverso il porto di Rotterdam, potenzialmente pericoloso per la diffusione della peste suina. "Sotto accusa c'è il sistema di controllo dell'Unione Europea con frontiere colabrodo che hanno lasciato passare materiale pericoloso ai confini olandesi ma anche i ritardi a livello nazionale causati da una burocrazia che non comprende l'urgenza di tracciare gli alimenti che arrivano ai consumatori in una situazione in cui l'Italia importa ogni anno dall'estero circa 1 miliardo di chili di carni suine fresche e congelate" ha affermato il presidente della Coldiretti Ettore Prandini, nel sollecitare l'entrata in vigore del decreto che introduce l'indicazione della provenienza per le carni suine trasformate dopo l'intesa raggiunta in Conferenza Stato Regioni.
 

Condividi