Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/pignatone-conferenza-roma-mafia-alemanno-6fbb024c-694f-4255-b2e1-c95919afdb60.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

L'indagine

La Procura spiega il sistema-Roma: "È la 'Mafia Capitale', romana e originale"

Conferenza stampa di Giuseppe Pignatone: "In città ci sono diverse organizzazioni mafiose senza legami con le altre mafie"

Condividi
"Alcuni uomini vicini all'ex sindaco Alemanno sono componenti a pieno titolo dell'organizzazione mafiosa e protagonisti di episodi di corruzione. Con la nuova amministrazione il rapporto è cambiato ma Carminati e Buzzi erano tranquilli chiunque vincesse le elezioni". Lo ha detto il procuratore di Roma Giuseppe Pignatone durante la conferenza stampa a seguito dell'ondata di arresti avvenuti nella Capitale.

"Mafia Capitale"
"A Roma non c'è un'unica organizzazione mafiosa a controllare la città. Ci sono diverse organizzazioni mafiose. Oggi abbiamo individuato quella che abbiamo chiamato Mafia Capitale, romana e originale, senza legami con altre organizzazioni meridionali, di cui però usa il metodo mafioso", ha anche detto Pignatone.

La teoria del "Mondo di mezzo"
Carminati, ha spiegato Pignatone, "ha creato sinergie illecite con mondi diversissimi tra di loro. Nello spiegare al suo braccio destro Riccardo Brugia la sua 'politica' dice: 'E' la teoria del mondo di mezzo'. Un mondo in cui tutti si incontrano indipendentemente dal proprio ceto. Un mondo in cui tutto si mischia. Carminati parla con il mondo di sopra (ossia la politica e gli imprenditori) e con quello di sotto, ossia quello criminale. E' al servizio del primo avvalendosi del secondo soprattutto per il suo vantaggio". 

"Posizione di Alemanno tutta da vagliare"
"L'ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno, è indagato. La sua posizione è ancora tutta da vagliare", ha detto Pignatone nel corso di una conferenza stampa sugli arresti effettuati oggi a Roma nell'ambito dell'operazione 'Mondo di mezzo'".

Nel mirino anche gli appalti Ama per la raccolta dei rifiuti
Tra gli interessi economici dell'associazione di tipo mafioso guidata dall'ex Nar, Massimo Carminati, c'erano soprattutto, secondo quanto hanno scoperto le indagini, appalti e lavori legati al comune di Roma e alla regione Lazio per la raccolta e gestione dei rifiuti. I Carabinieri del Ros e i militari della Guardia di Finanza hanno, in particolare, svolto accertamenti su appalti dell'Ama, l'azienda municipalizzata del comune di Roma Capitale trovando le prove "di un patto corruttivo significativo". Si tratta di gare dell'Ama del 2011 per l'affidamento della raccolta differenziata, della raccolta delle foglie secche e altri lavori.

Al vaglio il ruolo di alcuni uomini delle forze dell'ordine
Quanto alla presunta copertura di Massimo Carminati da parte delle forze dell'ordine il procuratore capo di Roma Giuseppe Pignatone ha detto: "Ci sono approfondimenti in corso sul personale di forze dell'ordine ma l'operazione non si chiude oggi: la
posizione di alcuni è al vaglio per favoreggiamento".

Parente, a casi di indagati quadri di Warhol e Pollock
"A casa di un indagato sono stati trovati 25 quadri di valore, e altri venti sono stati trovati nella casa di Carminati a Sacrofano. Tra questi anche opere di Andy Warhol e Jackson Pollok. A casa di un'altra persona sono stati rinvenuti 570mila euro in contanti". Lo ha detto Mario Parente, comandante del Ros dei carabinieri sull'operazione Mondo di Mezzo.



 
Condividi