ITALIA

Lo stalker è stato arrestato dai Carabinieri

Pistoia, ragazzo sotto casa della ex con un martello. Ai genitori annuncia: Vado a finire il lavoro

Il 28enne non si rassegnava alla fine della relazione e da luglio aveva cominciato a tenere comportamenti prima molesti, consistenti in pedinamenti, telefonate e poi sempre più aggressivi nei confronti della donna, tanto che all'uomo era stato notificata l'ammonizione del questore

Condividi
Il rapido intervento dei carabinieri ha permesso di evitare una tragedia nata da una delusione amorosa e sfociata in ripetuti atti persecutori nei confronti dell'ex fidanzata, più volte anche minacciata di morte. I carabinieri hanno arrestato un giovane che viaggiava in auto con un martello per recarsi a casa della donna che lo ha lasciato dopo aver fatto impallidire i genitori che dalla sua voce avevano sentito pronunciare la terribile frase "vado a finire il lavoro".

Nella tarda serata di ieri i carabinieri sono intervenuti ad Uzzano (Pistoia) dove hanno proceduto all'arresto per atti persecutori di un 28enne, residente nel lucchese, con alcuni precedenti penali a suo carico.

Il giovane che non si era a rassegnato alla conclusione della relazione con la fidanzata 37enne avvenuta nel luglio scorso, aveva cominciato a tenere comportamenti prima molesti, consistenti in pedinamenti, telefonate e messaggi, e poi sempre più aggressivi e reiterati nei confronti della donna, tanto che nel dicembre appena trascorso, all'uomo era stato notificata l'ammonizione del questore. L'attuale normativa prevede che su richiesta delle vittime di atti persecutori l'interessato venga diffidato dal proseguire nelle sue azioni e soprattutto avvisato che ogni ulteriore violazione darà luogo alla procedibilità d'ufficio nei suoi confronti e all'inasprimento delle pene in caso di condanna.

Il provvedimento non ha sortito alcun effetto perchè la sera del 10 gennaio l'uomo ha raggiunto la ex fidanzata, che si trovava a Montecatini nei pressi della piscina comunale all'interno della propria auto in compagnia di un amico, e le ha intimato di uscire dall'abitacolo tentando di sfondare nel contempo un finestrino. La donna terrorizzata è riuscita a mettere in moto e a raggiungere la caserma dove ha denunciando l'accaduto. Lo stalker è stato rintracciato poco dopo dai militari della pattuglia radiomobile e denunciato per questo ulteriore episodio alla Procura di Pistoia alla quale è stata chiesta anche l'adozione di una misura cautelare, resasi a quel questo punto necessaria. Ma i fatti sono precipitati nella serata di ieri, quando l'uomo, in preda ad evidente agitazione, è uscito dalla propria abitazione dicendo ai familiari, che hanno avvisato subito il 112, che sarebbe andato "a finire il lavoro iniziato".

Attorno alle 21,30 la vittima, che stava viaggiando a bordo della propria auto, ha segnalato al 112 di essere pedinata dall'ex fidanzato che la stava seguendo con la propria vettura. Le pattuglie del Norm della stazione di Pescia hanno rapidamente intercettato l'uomo che è stato bloccato in una strada a fondo chiuso ad Alberghi. L'uomo non ha opposto alcuna resistenza e a bordo dell'auto i militari hanno trovato una bomboletta con spray urticante ed un martello. Dopo la formalizzazione dell'arresto e l'ulteriore denuncia per il possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere, il 28enne è stato trasferito al carcere di Pistoia.
Condividi