Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/pontifex-papa-francesco-conquista-sbarca-facebook-twitter-08dacb67-b92e-4f83-a8e1-9a7c002f4d3c.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Indiscrezioni

Twitter non basta più, Papa Francesco sempre più "social": pronto per lo sbarco su Facebook

Secondo Vatican Insider a breve il Papa arriverà anche sul social network di Mark Zuckerberg: si starebbero "definendo gli ultimi dettagli tecnici"

Papa Francesco
Condividi
I 140 caratteri di Twitter probabilmente non gli bastano più, così papa Francesco ha deciso di sbarcare su Facebook: parola di Vatican Insider, che cita fonti della Curia. All'interno delle mura vaticane si starebbero "definendo gli ultimi dettagli tecnici" e un gruppo di informatici starebbe ragionando su come contenere la pubblicazione di contenuti inappropriati da parte degli utenti.

Il Papa già su Twitter
L'account papale @Pontifex, voluto da Joseph Ratzinger, era stato inaugurato il 12 dicembre 2012 in otto lingue. Poi il 17 gennaio 2013 è stata aggiunta una nona lingua, il latino, che ha subito suscitato interesse e un sorprendente seguito. Circa 3 milioni di seguaci erano già stati raggiunti il 28 febbraio, giorno della fine del pontificato di Benedetto XVI. Durante la sede vacante l’account è stato sospeso per essere riaperto il 17 marzo, cinque giorni dopo l’elezione di Bergoglio. Da allora si è registrato un crescendo inarrestabile, fino ad arrivare, con i vari re-tweetting, cioè i messaggi rilanciati, a oltre 12 milioni di follower. Attualmente la lingua record è lo spagnolo, seguita dall’inglese e dall’italiano.

Il Papa e Internet
Qualche tempo fa, Papa Francesco aveva definito Internet un dono di Dio, mettendo però in guardia dalle possibilità d’isolamento: "L'ambiente comunicativo può aiutarci a crescere o, al contrario, a disorientarci. Il desiderio di connessione digitale può finire per isolarci dal nostro prossimo, da chi ci sta più vicino. Senza dimenticare che chi, per diversi motivi, non ha accesso ai media sociali, rischia di essere escluso".
Condividi