Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/prescrizione-malinconico-ocf-per-noi-ci-sono-dubbi-di-costituzionalita-2c3b5f56-9454-41dd-9e3d-f9aa8782d12f.html | rainews/live/ | true
POLITICA

"In altri Paesi i processi hanno durate ragionevole"

Prescrizione. Malinconico (Ocf): "Per noi ci sono dubbi costituzionalità"

Secondo il Presidente dell'Organismo Congressuale Forense, serve un "patto per la giurisdizione" che coinvolga tutti, dagli avvocati ai magistrati alla politica e "bisogna comprendere che servono risorse adeguate perché quelle che ci sono non sono adeguate"

Condividi
"L'Anm ha le sue prospettazioni, ognuno la vede come ritiene. Secondo l'Ocf ci sono dubbi di costituzionalità". Lo afferma all'Adnkronos Giovanni Malinconico, presidente dell'Organismo congressuale forense, commentando le polemiche sulla costituzionalità o meno del cosiddetto 'lodo Conte' sulla prescrizione e alla luce delle esternazioni del presidente dell'Anm Luca Poniz che oggi ha affermato che si tratta di "una proposta saggissima e non è incostituzionale''.

Secondo Malinconico, invece, il 'lodo Conte', "rafforza il valore del precedente e indebolisce il principio di presunzione di innocenza. Stabilisce il principio di discriminazione tra chi è condannato e chi è assolto in primo grado, rende urgenti i procedimenti dove ci sono imputati assolti e lascia nel girone dantesco quelli in cui ci sono condannati". "Non è detto che chi sia stato condannato in primo grado sia colpevole", ricorda il presidente dell'Organismo congressuale forense secondo il quale il processo deve avere "una prospettiva temporale ragionevole perché non occupi tutta la vita delle persone, a prescindere dall'entità della pena. Il tempo del processo è un problema drammatico". 
 
"In altri Paesi - continua il presidente dell'Ocf - i processi hanno durata ragionevole quindi ciò è fattibile altrimenti vorrebbe dire che la giurisdizione è insostenibile. Il presupposto imprescindibile è che la giurisdizione è sostenibile: il problema della giustizia è, fondamentalmente, un problema di risorse". Secondo Maliconico serve un "patto per la giurisdizione" che coinvolga tutti, dagli avvocati ai magistrati alla politica e "bisogna comprendere che servono risorse adeguate perché quelle che ci sono non sono adeguate".
Condividi