Original qstring: fbclid=IwAR1NyMz1vsvibJbEmwDq-WhesDMGVhCDRCQGTF1lxWOWt4VEx6dNN6W28F4 | /dl/rainews/articoli/presidente-della-rai-marcello-foa-esprime-forte-irritazione-per-presenza-rapper-junior-cally-a-sanremo-de2a1f74-c7c9-4b8b-8ec6-8ccf3195b2d8.html | rainews/live/ | true
SANREMO

La polemica

Sanremo, Foa: la presenza del rapper Junior Cally è inaccettabile

Per il presidente della Rai, l'autore di canzoni che denigrano le donne e che esaltano la violenza omicida non dovrebbe beneficiare di una ribalta nazionale

Junior Cally con il presentatore Amadeus
Condividi
La presenza del rapper Junior Cally al Festival di Sanremo è "eticamente inaccettabile". Lo afferma il presidente della Rai, Marcelo Foa, esprimendo "forte irritazione per scelte che vanno nella direzione opposta rispetto a quella auspicata".

"Il Festival - dichiara Foa -, tanto più in occasione del suo 70° anniversario, deve rappresentare un momento di condivisione di valori, di sano svago e di unione nazionale, nel rispetto del mandato di servizio pubblico" e scelte come quella di Junior Cally "sono eticamente inaccettabili per la stragrande maggioranza degli italiani". 

Il Festival dovrebbe "promuovere il rispetto della donna e la bellezza dell'amore. La credibilità di chi canta - prosegue Foa - deve rientrare fra i criteri di selezione. Chi nelle canzoni esalta la denigrazione delle donne e persino la violenza omicida, e ancora oggi giustifica quei testi avanzando pretese artistiche, non dovrebbe beneficiare di una ribalta nazionale. Speriamo - conclude il presidente della Rai - che il direttore artistico, che gode di stima anche per essere persona moderata e di buon senso, sappia riportare il Festival nella sua giusta dimensione".
Condividi