ECONOMIA

La requisitoria

Processo Mps: il pm chiede 7 anni per Mussari, 6 per Vigni e Baldassarri

Il processo sulla ristrutturazione del derivato Alexandria, in cui sono accusati di ostacolo alla vigilanza l'ex presidente di Mps, Mussari, l'ex dg Vigni e l'ex capo dell'area finanza Baldassarri. La Banca d'Italia parte civile al processo

Mps (foto Ansa)
Condividi
Sette anni di reclusione per l'ex presidente di Monte dei Paschi Giuseppe Mussari. È questa la richiesta dei pm di Siena al processo sulla ristrutturazione del derivato Alexandria, in cui sono accusati di ostacolo alla vigilanza - oltre all'ex presidente -anche l'ex dg Antonio Vigni e l'ex capo dell'area finanza Gianluca Baldassarri. Per questi ultimi i magistrati hanno chiesto sei anni di reclusione.

Il pm Giuseppe Grosso, che ha concluso la requisitoria della Procura (prima di lui erano intervenuti Antonino Nastasi e Aldo Natalini), ha anche chiesto ai giudici di ''negare ogni circostanza attenuante'' e di condannare i tre imputati anche alle ''pene accessorie''. Per il reato di occultamento all'autorità di vigilanza il codice prevede una pena compresa tra un minimo di due anni e un massimo di otto.

"Chiediamo la condanna dei tre imputati secondo giustizia, il risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali e il pagamento da parte degli stessi delle spese legali" ha detto l'avvocato della Banca d'Italia Olina Capolino, che si era costituita parte civile al processo sulla ristrutturazione del derivato Alexandria.
Condividi